la rivista di 










 

Cannibali di carta















Anche se prove - o ipotesi - dell'esistenza del cannibalismo in epoche diverse riguardano popolazioni di tutto il mondo, dagli Inuit agli indigeni della Nuova Guinea, dagli Aztechi agli Anasazi, nell'iconografia popolare a farne le spese sono soprattutto gli africani, ritratti con gonnelle di paglia, anello al naso e ossa tra i capelli, accanto a esploratori immersi in grandi pentoloni all'aperto o rigirati su uno spiedo. Non bisogna nemmeno risalire troppo indietro nel tempo. Quelle che vi mostriamo sono immagini che vanno dai primi del 1900 agli anni '30. Si va dai fumetti di Walt Disney a Tintin, dai giochi di enigmista alle barzellette.