Cronaca

Archivio soggetti

  Novembre - Dicembre 01

Precedente Seguente

Margarita Salas nominata Accademica di Spagna
La biologa Margarita Salas (Canero, Asturias, 1938) è entrata a fare parte della Real Academia Española. Dopo la scrittrice Ana María Matute e la storica Carmen Iglesias, è la terza donna ad essere ammessa nell'istituzione, ma la prima scienziata. "La missine di uno scienziato e di aiutare a tradurre la scienza in spagnolo - ha detto - perché questa è creata in inglese."
El Pais 21.12.2001

È morto il cantautore Clifford T Ward
Poco noto al grande pubblico per il suo carattere schivo e poco incline a esibirsi in pubblico, Clifford T Ward ha raggiunto la notorietà nel 1973 con la canzone intitolata Gaye. Sui pezzi sono stati interpretati da Art Garfunkel and Ringo Starr. Aveva 57 anni.
The Independent 20.12.2001

Il sito del Clifford T Ward fan club.

Gilbert Bécaud, Monsieur 100 000 volt, è morto
Gilbert Bécaud, autore di più di 400 canzoni, almeno una ventina delle quali sono diventate dei classici, fu soprannominato Monsieur 100 000 volt fin dal suo debutto per il suo senso dello swing. Nato il 29 ottobre 1927 a Toulon da una famiglia di commercianti, Bécaud, il cui vero nome era François Gilbert Silly, ha iniziato nel dopoguerra la sua carriere come pianista nei night club di Parigi. Scoperto da Jacques Pills, diventa suo accompagnatore ed è spronato dalla moglie del cantante, Edith Piaf, ad esibirsi in pubblico. Il successo fu immediato e la sua prima volta all'Olympia - locale si è esibito in 30 spettacoli - data 1954. Ha pubblicato il suo ultimo disco nel 1999. Tra le sue canzoni più straordinarie Et maintenantNathalie, L'important, c'est la rose, Je reviens te chercher, Quand il est mort, le poète, La solitude, ça n'existe pas, Le Jour où la pluie viendra.
Le Monde 18.12.2001

Il ritratto di Gilbert Bécaud pubblicato da Liberation il 2 agosto 2001.

È morto lo scrittore Stefan Heym
Comunista non allineato, Stefan Heym è una figura emblematica degli scrittori della ex Repubblica democratica tedesca.
Nato nel 1913, lasciò la Germania nel 1933 a causa dell'avvento del nazismo e si rifugiò a New York dove divenne membro clandestino del Partito comunista americano. Arruolatosi nell'esercito, partecipa allo sbarco in Normandia e, nel 1945 a Monaco, diventa direttore del primo quotidiano tedesco in lingua inglese. Sollevato dall'incarico perché comunista, nel 1952 a causa del maccartismo rientra dagli USA scegliendo di stabilirsi nella Repubblica democratica. I moti operai del 1953 lo portano a prendere una posizione critica nei confronti del regime comunista e a prendere, in seguito, posizioni di sostegno ai dissidenti come il cantante Wolf Biermann.
Heym è autore di una dozzina di romanzi, due dei quali scritti in inglese.
Liberation 17.12.2001

È morta l’attrice Beatrice Macola
Beatrice Macola aveva lavorato con Mario Monicelli e Claude Chabrol, e Steven Spielberg per il quale aveva interpretato in Schindler’s List la parte di Ingrid, una giovane amante di Oskar Schindler. Aveva 36 anni.
Il Messaggero 15.12.2001

Lo scrittore W. G. Sebald muore in un incidente d'auto
È morto in un incidente d'auto avvenuto in Inghilterra, dove viveva, lo scrittore tedesco Winfried Georg Sebald, autore di romanzi - Gli anelli di Staurno, Gli emigrati - ispirati all'Olocausto e alla Seconda guerra mondiale.
The New York Times 15.12.2001 (*)

È morto il chitarrista Grady Martin
Grady Martin è stato una delle figure più emblematiche della musica di Nashville. Pur essendo un nome poco conosciuto dal grande pubblico, le sue interpretazioni sono invece tra le più note: ne è un esempio il suo contributo a Chatanoogie Shoe Shine Boy di Red Foley, ed è lui che interpreta il riff introduttivo a Oh, Pretty Woman di Roy Orbison e che ha creato l'atmosfera ranchera così particolare in El Paso de Marty Robbins.
Nato il 17 gennaio 1929, Thomas Grady Martin non si immaginava certo quando a 17 anni era stato invitato alla sua prima registrazione in studio che  sarebbe diventato il sessionman più richiesto dello stato. Ha suonato per Hank Williams, Bing Crosby, Buddy Holly, Elvis Presley, e più recentemente per Kris Kristofferson e Joan Baez.
Liberation 13.12.2001

Álvaro Mutis vince il premio Cervantes
Colombiano, nato a Bogotà nel 1923, ma di formazione forzatamente cosmopolita a causa dell'esilio a lungo patito, Mutis è stato preferito dalla giuria a Fernando Arrabal. 
El Pais 13.12.2001

È morto Jean Richard
Aveva iniziato sui palcoscenici dei cabaret di Lione, per poi proseguire la sua carriera nel dopoguerra come attore nelle compagnie di giro. È stato proprietario di un circo che portava il suo nome e  creatore del primo parco divertimenti francese, il Mer de sable a Ermenonville. Nel 1967 fu chiamato ad interpretare il ruolo del commissario Maigret nella serie televisiva prodotta da France 2. Aveva 80 anni.
Le Figaro 13.12.2001

Ieri assegnati i Premi Nobel del centenario
La centesima edizione della cerimonia di consegna dei Premi Nobel si è svolta a Stoccolma e a Oslo, dove dalla sua istituzione è consegnato il premio per la pace.
El Pais 11.12.2001

È morto il produttore Silvio Clementelli
Ha poco più di vent’anni quando decide di tuffarsi nel cinema. Diventa aiuto regista, e sceneggiatore, quindi passa alla produzione. Nel 1947 è al fianco di Carlo Ponti, poco dopo è con Goffredo Lombardo alla Titanus. E infine, nel 1965, fonda Clesi, la sua società. Tra i titoli della sua lunga carriera spiccano Malizia di Salvatore Samperi, Marcia trionfale di Marco Bellocchio, Al di là del bene e del male di Liliana Cavani, e L'ingorgo di Luigi Comencini. Aveva 75 anni.
Il Messaggero 6.12.2001

Il fotografo Roger Pic morto a Parigi
Roger Pic, fotografo di tetro, è morto lunedì all'età di 81 anni. Memorabili i suoi fotoritratti di Che Guevara, Fidel Castro e la rivoluzione cubana.
Liberation 5.12.2001

Martha Jean-Claude è morta a Cuba
Martha Jean-Claude è stata la grande dame della canzone haitiana, ma anche il simbolo della resistenza alle dittature che hanno tormentato la prima repubblica nera del pianeta. Nata nel 1919, ha cominciato a cantare nella corale della cattedrale di Port-au-Prince, imparando anche il repertorio vudu e popolare. Diventata presto la cantante più nota a Haiti, nel 1956 il colonnello Magloire cercò di imprigionare suo marito, militante comunista. Dopo la fuga di questi a Cuba, Martha Jean-Claude fu chiusa in carcere per costringere il marito a rientrare nel paese. Liberata dopo cinque mesi, poté raggiungere il consorte nell'isola caraibica.
Liberation 4.12.2001

Biografia, filmografia e discografia di Martha Jean-Claude.

È morto lo scenografo Danilo Donati
Nato nel 1926 a Suzzara, in provincia di Mantova, Donati è stato uno dei più grandi scenografi del cinema italiano. Aveva vinto due Oscar, nel 1968 Romeo e Giulietta di Zeffirelli e otto anni dopo grazie al Casanova di Fellini, due David di Donatello (ancora con Fellini, per Ginger e Fred, nell' 86, e con la Marianna Ucria di Faenza, nel 97) e tre Nastri d'argento (per Il Vangelo secondo Matteo di Pasolini nel '64, La bisbetica domata nel '68 e Romeo e Giulietta nel '69, entrambi di Zeffirelli).
Contrario agli effetti speciali, avrebbe voluto fare tutto con le sue mani, dalle grandi scenografie ai più piccoli oggetti di scena, come i grandi artigiani di una volta.
KwArt 3.12.2001

George Harrison è morto
All Things Must Pass.
(Questo articolo del NYT è probabilmente la biografia più completa apparsa oggi su i quotidiani e periodici che DiArte segue.)
The New York Times 30.11.2001 (*)

In ricordo di André Malraux 
Con un convegno intitolato André Malraux et le rayonnement culturel de la France è stato ricordato il centenario della nascita dell'intellettuale e ministro della cultura francese.
Liberation 24.11.2001

È morto il fotografo africano Seydou Keïta
Seydou Keïta è stato uno dei maggiori fotografi del Mali. Aveva aperto uno studio fotografico nel 1948, che aveva organizzato come una esposizione per facilitare le scelte dei suoi clienti: questi potevano orientare le proprie richieste vedendo esempi di ritratti, mezzi busti, figure intiere, gruppi familiari. In Francia è stato scoperto nel 1994 ai Rencontres de la photographie africaine, subito dopo la sua mostra tenuta alla Fondation Cartier. È morto a Parigi all'età di 78 anni.
Liberation 24.11.2001

Buono per ogni occasione
"Porterò in scena il Rigoletto verdiano, ma anche il personaggio mi somiglia. Una sfida, impossibile tirarmi indietro" dice Vittorio Sgarbi, sottosegretario ai Beni culturali e critico d’arte che in primavera firmerà la regia dell’opera in prima mondiale a Busseto. "Ma non lascerò la politica." Peccato.
Corriere della sera 21.11.2001

È morto Ken Kesey, autore di Qualcuno volò sul nido del cuculo
Ken Kesey è nello stesso tempo uno scrittore sconosciuto e uno scrittore mitico. E’ sconosciuto perché pochi lo hanno letto, ma molti conoscono il film tratto dal suo romanzo da Milos Forman e interpretato da Jack Nicholson. Qualcuno volò sul nido del cuculo è un film di denuncia dell’istituzione manicomiale, una di quelle istituzioni che in quegli anni chiamavano totali e che furono al centro dell’attenzione di filosofi e medici come Foucault e Basaglia. Egli scrisse un solo libro, poi smise di scrivere, o è come se avesse smesso rinnegando il successo ottenuto con il primo romanzo. Era un giovane di famiglia borghese e tradì la sua vocazione. Se ne fuggì in Messico e cominciò una nuova vita. Questo secondo capitolo della sua vicenda attrasse Tom Wolfe. Dedicato a Ken Kesey, Tom Wolfe scrisse uno dei suoi libri memorabili: L’Acid Test al Rinfreske Elettriko. Aveva 66 anni.
Corriere della sera 11.11.2001

A sei anni dalla morte le opere di Ken Saro-Wiwa non sono state pubblicate in Italia
"Il 10 novembre 1995 veniva impiccato dal regime militare nigeriano lo scrittore e militante politico Ken Saro-Wiwa. La sua colpa è stata quella di essersi schierato contro la multinazionale del petrolio anglo-olandese Shell, la quale dal 1958 estrae petrolio in Nigeria ed è presente, fra l'altro, nell'Ogoniland, un piccolo territorio nel delta del fiume Niger. In Ogoniland questo intervento distruttivo, complice la classe dirigente politica e militare del paese, ha rappresentato e rappresenta una vicenda emblematica del funzionamento del capitalismo globalizzato, per il quale i diritti dei popoli e la salvaguardia dell'ambiente divengono questioni secondarie di fronte al business, specie se popoli e ambiente appartengono al Terzo e Quarto mondo. Ken Saro-Wiwa ha dato voce a tutto questo. In poesia, in politica, in teatro, in televisione."
Il Manifesto 11.11.2001

Ad Aosta convegno in ricordo di Natalino Sapegno
Natalino Sapegno nasceva cent'anni fa, il 10 novembre del 1901 ad Aosta. E qui, in occasione dell'anniversario, si tiene in questi giorni un convegno L'Italia letteraria e l'Europa. Dal Rinascimento all'Illuminismo, organizzato dalla Fondazione che porta il suo nome e che è presieduta da Nino Borsellino.
La Repubblica 8.11.2001

Sir Ernst Gombrich è morto sabato scorso all'età di 92 anni a Londra
Autore di importanti saggi sull'arte rinascimentale, Gombrich ha studiato in particolare i rapporti tra il messaggio artistico e i suoi fruitori, servendosi degli strumenti della psicoanalisi e della psicologia della percezione. Nato a Vienna il 30 marzo 1909 da una famiglia di origine ebraica, Gombrich fu costretto a lasciare l'Austria per sfuggire alle persecuzioni naziste: dal 1936 viveva a Londra. Direttore del Warburg Institute di Londra dal 1959 al 1976, considerato uno degli ultimi umanisti della nostra era, Gombrich ha legato la sua fama a libri che hanno incontrato una straordinaria diffusione in tutto il mondo, segnando una svolta negli studi della storia dell'arte.
La Stampa 6.11.2001

Lucio Colletti è stato un marxista intelligente
Scrive Mario Tronti in ricordo di Lucio Colletti: "Ci insegnò delle cose. A noi studenti, quando era già assistente di Ugo Spirito per la cattedra di Filosofia teoretica leggeva e commentava la Critica della ragion pura di Kant che, insieme alla Metafisica di Aristotele, erano testo obbligatori di esame. Marx che aveva letto bene Hegel, ci diceva, non aveva letto altrettanto bene Kant. Una tesi non nuova nel pensiero marxista, i revisionisti della Seconda Internazionale ne avevano fatto un motivo di battaglia teorica, ma Colletti allora non era su quelle posizioni, anzi le contrastava. Questo allora imparammo: che si poteva essere contro la dialettica "rivoluzionaria" di Hegel, senza essere riformisti. [...] A un certo punto ci fu una svolta, nemmeno teoricamente motivata, e piuttosto emotivamente gridata. Qualcosa per molti di noi incomprensibile, se non facendo ricorso all'insondabile mistero dell'animo umano. Adesso non possiamo che, in silenzio, guardare con rispetto a questo percorso, ma quanto ci ha fatto arrabbiare! Non erano tanto le sue ultime collocazioni politiche che scottavano, quanto quel risentimento da pensatore pentito."
Il Manifesto 4.11.2001

È morto il 28 ottobre a New York Martin Matz
Il poeta e beat Martin Matz aveva partecipato a reading con Kerouac, Ginsberg, Corso, Ferlinghetti e gli altri beat "storici", compresa la famosa lettura del 1984 all'Albert Hall di Londra, ma "beat" fino in fondo non ha mai trovato il tempo e la voglia di "darsi da fare" dietro a un editore per pubblicare le sue poesie, e così in Italia si è saputo di lui solo nel 1999, in occasione dei festival di poesia organizzati da City Lights di Firenze a Cagliari e da Multimedia Edizioni a Napolipoesia.
Il Manifesto 3.11.2001

 

(*) Gli articoli del New York Times sono disponibili registrandosi gratuitamente.