Le segnalazioni del 10 - 16 dicembre 2001

Vai all'indice dell'archivio 2001

 

 

  16.12.2001
  Beni culturali

La miniera di carbone Zeche Zollverein XII di Essen inserita nella World Heritage List dell'Unesco
Aperta nel 1932, produceva 12.000 tonnellate di carbone al giorno, estratte da una rete di gallerie lunga 120 Km, scavate fino ad una profondità di 1.200 metri. Il valore culturale del sito è stato riconosciuto dall'Unesco che lo ha  inserito nella lista del patrimonio culturale dell'umanità, affiancandolo alla miniera di Völklinger nella Saarland che ottenne il medesimo statuto nel 1994. Il numero dei siti tedeschi presenti nella lista sale così a 25.
Frankfurter Allgemeine Zeitung 16.12.2001

Torna su

 

  15.12.2001
  Spettacolo

Lucio Ardenzi indicato dal ministro della cultura Urbani presidente dell'Ente teatrale italiano
L'Eti dovrebbe divenire motore ed elargitore principe della scena italiana sarà guidato da Ardenzi, portabandiera degli impresari privati, dei quali è da molti anni l'esponente più cospicuo in termini di bilancio e di compagnie (quelle che vanno spesso ospiti nei teatri gestiti dall'Eti).
Il conflitto d'interessi, spauracchio del governo Berlusconi, non potrà più incutere tanta paura, se si generalizza a macchia d'olio. Si prepara una scena davvero degna di rappresentare al meglio questa bella società. 
Nel consiglio d'amministrazione dell'Eti andranno un altro impresario privato coinvolto anche nel circuito teatrale campano, Mico Galdieri, una agente leader dei testi di drammaturgia come Maria Bolasco, il critico dell'Avvenire Luca Doninelli, e Massimo Pedroni vicepresidente An del Teatro di Roma, alla cui testa andrà Albertazzi. 
Il Manifesto 15.12.2001

Un direttorio alla guida del Teatro Regio di Torino
Sara una direzione di gruppo a prendere il posto del direttore artistico dimissionario Claudio Desderi. Essa sarà probabilmente composta da Mario Tutino per il lato artistico, Corrado Rovaris per la direzione musicale, dal il maestro del coro e due persone che già lavorano al Regio.
La Stampa 15.12.2001

Desderi difende le sue scelte artistiche
Dice Desderi: "Prima ancora che iniziassi la mia attività al Regio, Vergnano conosceva bene le mie idee. Con lui non c´è mai stata alcuna divergenza programmatica. Come direttore artistico ho creato le mie stagioni, a lui le ho sempre sottoposte e il consiglio di amministrazione le ha approvate. C´è stata sempre totale trasparenza, per questo rivendico a me, al teatro e a tutte le maestranze l´identità e la visibilità internazionale cresciuta in questi ultimi anni. Una visibilità di cui sono fiero."
La Stampa 15.12.2001

A Torino il pubblico dell'opera non gradisce il programma. Desderi dimissionario
Si è dimesso Claudio Desderi direttore artistico del Teatro Regio di Torino. Le sue scelte artistiche non sono state gradite dal pubblico, che sta disertando il teatro come dimostra il numero degli abbonamenti in calo. Quando un cartellone teatrale è molto ricco di titoli - dicono i detrattori - si può tollerare anche la novità, la bizzarria. Ma quando la stagione è compressa come a Torino, sarebbe opportuno tenere conto dei gusti del pubblico più tradizionale, che nell'anno di Verdi e Bellini, per esempio, chiede Norma e Traviata.
La Stampa 14.12.2001

Un omaggio alla modestia degli artisti del circo
Nell'ambito dell'Année des arts du cirque, gli allievi del tredicesimo corso della Scuola superiore delle arti del circo hanno presentato a Châlons-en-Champagne Cyrk 13, saggio di fine corso messo in pista dal coreografo Philippe Decouflé. La produzione è uno spettacolo collettivo che mette in primo piano le capacità dei singoli: gli allievi lavorano duramente per tre anni, tutti  i giorni per molte ore, messi alla prova da maestri venuti a condividere con loro i misteri di un cammino artistico. La maggior parte degli allievi ha scoperto il circo nell'adolescenza, frequentando una delle scuole sparse nel territorio francese.
Le Monde 15.12.2001

 

  Politiche culturali

Franco Bernabè è il nuovo presidente della Biennale di Venezia
Bernabè è stato designato con un anticipo eloquentissimo rispetto alla scadenza dell’attuale consiglio di amministrazione da il ministro per i beni culturali Giuliano Urbani. Ex amministratore delegato di Telecom Italia e di Eni, ora presidente di Franco Bernabè & C nonché di Kelyan, società di servizi e prodotti internet, Barnabè è anche consigliere di amministrazione della Fiat, di Petrochina, di Tiscali. Il manager continuerà nella sua attività imprenditoriale: ritiene la Biennale un’istituzione di massimo prestigio ma il suo impegno sarà inevitabilmente part-time.
Scontata la sostituzione di Alberto Barbera alla direzione della sezione cinema, mentre per quella arti visive si parla del critico d’arte Robert Hughes.
Corriere della sera 15.12.2001

Franco Zeffirelli: Tutto sbagliato, tutto da rifare!
Dice il neoconsigliere per le arti e lo spettacolo del ministro Giuliano Urbani riguardo alla Mostra del cinema: "Sono finiti i tempi in cui era un cimento tra talenti veri e costruttivi del cinema mondiale. Ora è una vetrina sciocca e un po’ velleitaria. Si spendono soldi, si chiacchiera, si finisce con l’assegnare il Leone d’oro a un film turco o a un film pakistano." E il resto "L’unico settore che si difende sono le orchestre sinfoniche. I teatri lirici sono allo sbaraglio, il cinema ha problemi serissimi, il teatro di prosa quasi non esiste più, il balletto necessita di una riorganizzazione dalle fondamenta. Le strutture sono fatiscenti ovunque. Bisogna riportare il merito come unità di misura in tutta Italia ma soprattutto nello spettacolo."
Corriere della sera 15.12.2001

E per fortuna che la legge sulla Biennale parla di piena libertà di idee e forme espressive... 
Sgarbi del resto, puntualizza che loro mica badano alle poltrone, l'obiettivo è la politica culturale: "siamo andati in giro per il mondo a chiedere a nomi di prestigio, con Scorsese è andata male, ma ad esempio con Robert Hughes (critico d'arte di Time) ho avuto piena disponibilità per la direzione del settore arte. A questo punto i direttori dovrebbe capire che il loro lavoro è inutile". Quando si dice stile.
Peccato che tutti loro dimenticano il lavoro prezioso svolto da Baratta, la rendendo la Biennale un ente vitale, che nell'ultimo anno è riuscito a incassare di suo (sponsor, biglietti, etc) il 40% dei contributi pubblici. Soltanto la Biennale Arte di Szeemann ha avuto 2000 visitatori al giorno, un record. Cosa farà Hughes, che si definisce un conservatore che vuole concentrarsi sulla scultura e sulla pittura?
Il Manifesto 15.12.2001

Nessuno spazio per punti di vista differenti
L'opera La morte di Klinghoffer di John Adams racconta il dirottamento della Achille Lauro condotto da terroristi palestinesi nel 1991, e la morte dell'ebreo americano Leon Klinghoffer avvenuta sulla nave.
L'opera è stata accusata di dare una interpretazione romantica del terrorismo e di essere antiamericana, antisemita, antiborghese in un articolo sul New York Times da Richard Taruskin della University of California, e a settembre la sua messa in scena a Boston cancellata. 
Un mese dopo, Adams ha commentato: "In questo paese, non c'è una opinione che rappresenti l'altra parte, nessuno spazio per presentare il punto di vista dei Palestinesi in un'opera d'arte. Susan Sontag ha detto recentemente che trova ci sia un clima che non ha precedenti negli ultimi 40 anni: sono d'accordo."
Guardian 15.12.2001

John Adams censurato
Adducendo ragioni di opportunità, la Boston Symphony Orchestra ha chiesto al compositore John Adams di non eseguire come preannunciato brani e cori tratti dalla  sua opera The Death of Klinghoffer, ispirata ad un attacco terroristico avvenuto nel 1985, sostituendola con Harmonium, un brano per coro basato si testi di Emily Dickinson. Adams è andato su tutte le furie.
Los Angeles Times 20.11.2001

 

  Beni culturali

La Torre di Pisa riaperta al pubblico
Chiusa il 7 gennaio 1990, riapre oggi dopo 4.359 giorni di restauri, costati 53 miliardi, che hanno permesso di ridurre lo strapiombo di circa quaranta centimetri, riportando l'assetto della torre a quello del 1838.
Il Manifesto 15.12.2001

 

  Cronaca

È morta l’attrice Beatrice Macola
Beatrice Macola aveva lavorato con Mario Monicelli e Claude Chabrol, e Steven Spielberg per il quale aveva interpretato in Schindler’s List la parte di Ingrid, una giovane amante di Oskar Schindler. Aveva 36 anni.
Il Messaggero 15.12.2001

Lo scrittore W. G. Sebald muore in un incidente d'auto
È morto in un incidente d'auto avvenuto in Inghilterra, dove viveva, lo scrittore tedesco Winfried Georg Sebald, autore di romanzi - Gli anelli di Staurno, Gli emigrati - ispirati all'Olocausto e alla Seconda guerra mondiale.
The New York Times 15.12.2001 (*)

Torna su

 

  14.12.2001
  Arti

Sotheby's verrà messa in vendita
La mossa, annunciata ieri dal consiglio di amministrazione, segue la condanna del presidente Alfred Taubman per frode. In prima fila per l'acquisto viene indicata la Phillips de Pury & Luxembourg, società d'aste rivale che fa capo a Lvmh e che sta conducendo una politica aggressiva per guadagnare quote di mercato ai due giganti Sotheby's e Christie's.
Il Sole 24 ore 14.12.2001 

 

  Spettacolo

Il pop russo manca di idee
Lo sostiene il produttore russo Andrei Samsonov, impegnato sia a San Pietroburgo - dove lavora per alcune star locali come Zemfira e Akvarium - sia a Londra dove sta producendo l'album Russia di Marc Almond. "Gli interessi culturali e dei consumatori nell'Ovest sono molto più ampi che in Russia - spiega Samsonov - Noi non abbiamo musica di qualità. Nessun successo supererà l'esame del tempo. Gli artisti russi non accettano le sfide: non sono motivati a produrre buona musica, e il peggio è che non ci provano neppure."
The Moscow Times 14.12.2001

 

  Cinema

Direttore filoamericano per il Festival di Venezia cercasi
Vittorio Sgarbi e Alain Elkann hanno provato a convincere Martin Scosese ad assumere la direzione del Festival del cinema di Venezia. Lo sono andati a trovare a New York e hanno scambiato "con lui opinioni su vari argomenti, vedute sul cinema e in particolare su un suo possibile impegno per il rilancio di quello americano dopo l'11 settembre." Scorsese ha però cortesemente rifiutato. 
La proposta testimonia la voglia, manifestata in svariate occasione dalla amministrazione Urbani di dare un taglio alle passate gestioni di Venezia. È per questo che si punterebbe su nomi di alto profilo capaci di rimediare a un difetto più volte rimproverato al Festival: l'antiamericanismo.
La Stampa 14.12.2001

 

  Media ed editoria

L'Art du livre arabe in mostra alla Bibliothèque nationale di Parigi
"È importante mostrare soprattutto in questo momento - rimarca Annie Vernay-Nouri, curatrice della mostra con Marie-Geneviève Guesdon - che il mondo arabo è multiforme, che l'Islam è coesistito con altre religioni e altre culture."
Liberation 14.12.2001

ITN taglia i posti di lavoro
L'agenzia di notizie inglese ITN ha accettato l'offerta di dimissioni volontarie di 75 suoi dipendenti, tra cui 20 giornalisti. Originariamente, ITN intendeva tagliare 133 posti di lavoro, poi ridotti a 82. ITN ha recentemente ottenuto il contratto per la fornitura dei notiziari a ITV - network privato formato da 15 televisioni regionali - accettando una forte riduzione del prezzo da 45 a 36 milioni di sterline (da 135 a 108 miliardi di lire). I tagli dei posti di lavoro hanno sollevato la questione di come sarà passibile mantenere la stessa qualità del servizio con meno giornalisti, ma fonti aziendali assicurano che l'utilizzo di nuove tecnologie digitali consentiranno di effettuare lo stesso lavoro con meno personale.
BBC News 14.12.2001

Le Monde e Le Figaro in difficoltà
Le Monde e Le Figaro hanno annunciato un bilancio in perdita per il 2001. Mentre per il primo le difficoltà sono dovute agli investimenti eccezionali fatti nell'anno - senza i quali il bilancio sarebbe positivo - il secondo è stato colpito dal calo delle entrate pubblicitarie. Per rimediare alla situazione, Le Monde ha lanciato un piano di economie e il prepensionamento volontario del personale, mentre Le Figaro intende congelare lo sviluppo del sito web del quotidiano.
Liberation 14.12.2001

Liberation aumenta il prezzo del giornale e taglia il personale
Giornale in vendita a 1,20 euro dal 1 gennaio 2002, 18 lavoratori in meno su 350, sono le ricette di Liberation per fare fronte al calo della pubblicità. Risultato: contrazione del sito web e del servizio Guide.
Liberation 14.12.2001

 

  Politiche culturali

Nel nord-est dell'Inghilterra da 10 anni una politica per sostenere gli scrittori
La Northern Rock, una banca di Newcastle, ha istituito una borsa di 20 mila sterline destina a sostenere l'attività di tre scrittori purché risiedano nel nord -est dell'Inghilterra. 
Il programma si inserisce nella politica messa in atto negli ultimi dieci anni da Northern Arts - il dipartimento regionale dell'Arts Council of England - che ha favorito lo sviluppo nell'area di Newcastle delle attività legate alla scrittura.
Nell'area vivono Pat Barker, Lee Hall, lo scrittore del soggetto di Billy Elliot, Anne Fine e Sean O'Brien, che è il solo poeta ad aver visto due volte il Forward prize. Nella città ha sede la casa editrice indipendente Bloodaxe Books, e è la culla di diversi scrittori per ragazzi, tra cui David Almond, vincitore del Whitbread for Skellig.
The Guardian 14.12.2001

 

  Musei

Riapre a New York l'American Folk Art Museum
In un nuovo edificio progettato da Tod Williams e Billie Tsien ha trovato sede il museo di arte popolare di New York la cui collezione raccoglie opere d'arte e oggetti artistici di uso quotidiano o che adornavano le abitazioni dei cittadini americani, con una attenzione particolare all'arte popolare proveniente dall'estero.
The New York Times 14.12.2001 (*)

Leggi una analisi descrittiva dell'edificio.

Guarda il video di presentazione del museo: bassa qualità (modem), alta qualità (connessioni veloci).

Torna su

 

  13.12.2001
  Spettacolo

Warner annuncia il ridimensionamento della divisione musica classica
Dal primo gennaio 2002 il settore musica classica della Warner Music si chiamerà Warner Classics. La nuova divisione incorporerà tutte le attività di Warner Classics International. La ristrutturazione comporterà il licenziamento di 10 persone. La Warner asserisce che continuerà a produrre e commercializzare registrazioni di classica.
Andante 13.12.2001

 

  Cinema

Un Oscar per i lungometraggi di animazione
La categoria, la prima creata dopo 19 anni, premierà i film di animazione più lunghi di 70 minuti. Il premio sarà consegnato solo negli anni in cui ci saranno almeno 8 film eleggibili. Per il 2001 ne saranno presi in considerazione 9. Nella valutazione si terrà conto di tutti gli aspetti della produzione - ad esempio sceneggiatura e successo di pubblico - e non solo della qualità dell'animazione.
BBC News 13.12.2001

 

  Politiche culturali

Nulla di fatto per definizione delle modalità di gestione dei diritti d'autore derivanti dalla copia privata
La commissione finanze del Parlamento francese ha dichiarato la propria incapacità a trovare una soluzione condivisa riguardo alla gestione dei diritti d'autore derivanti dalle copie di opere d'ingegno effettuate su supporti magnetici quali i dischi fissi o removibili, e utilizzando le memorie integrate in apparecchi quali le agende elettroniche. 
La questione nasce dalla difficoltà di applicare la norma fiscale già in vigore - dal 1985 per supporti di memorizzazione quali cassette e videocassette, e dal gennaio 2001 per i CD registrabili - ad apparecchiature come gli HD, il cui uso prevalente non è per memorizzare copie di opere coperte dal diritto d'autore.
Lo scontro tra la lobby dei produttori di computer e quella che rappresenta gli autori ha prodotto l'impossibilità di trovare un accordo all'interno della commissione, che ha di conseguenza rimesso al questione al parlamento che la dovrà affrontare come una questione fiscale.
Sullo sfondo della questione si affaccia anche il problema della gestione collettiva dei proventi del balzello che, senza essere una tassa, ha introdotto la nozione di prelievo obbligatorio. Attualmente essi sono redistribuiti agli aventi diritto dopo un prelievo del 25% per sostenere la creazione artistica, creando una forma semi-privata di finanziamento alla cultura.
Le Monde 13.12.2001

 

  Musei

Con la conversione in euro aumentano i biglietti di alcuni musei statali
Botta e risposta tra Giovanna Melandri, parlamentare DS, e Giuliano Urbani, ministro dei beni e attività culturali, riguardo alle variazioni dei biglietti dei musei statali a seguito della entrata in vigore dell'euro.
Alle accuse della prima di aumento esagerato del prezzo dei biglietti, il secondo ha risposto che "i  casi di diminuzione del prezzo riguardano 202 musei, mentre gli aumenti riguardano 58 musei."
Da notare però che sono aumentati i biglietti dei dei luoghi d’arte più frequentati d’Italia: la Reggia di Caserta, gli Uffizi a Firenze, il Museo ed i templi di Paestum, Villa Adriana e Villa d’Este di Tivoli, il Cenacolo Vinciano a Milano, il Museo Archeologico di Napoli, il Museo Egizio di Torino, la Galleria Borghese e la Galleria Nazionale d’arte Moderna di Roma, l’Accademia di Venezia.
KWArt 13.12.2001

Il British Museum fa fiasco
Non si può dire che la critica britannica si sia nascosta dietro ad ambigue sfumature nel valutare l´ultima mostra allestita al British Museum su Agatha Christie e l´archeologia. Sulla mostra si è rapidamente consolidata una duplice opinione: a) che non ha alcun interesse; b) che non varrebbe neppure la pena di occuparsene. Il British è in crisi di identità: tocca al nuovo direttore Neil McGregor trova la via d'uscita.
La Stampa 13.12.2001 

 

  Cronaca

È morto il chitarrista Grady Martin
Grady Martin è stato una delle figure più emblematiche della musica di Nashville. Pur essendo un nome poco conosciuto dal grande pubblico, le sue interpretazioni sono invece tra le più note: ne è un esempio il suo contributo a Chatanoogie Shoe Shine Boy di Red Foley, ed è lui che interpreta il riff introduttivo a Oh, Pretty Woman di Roy Orbison e che ha creato l'atmosfera ranchera così particolare in El Paso de Marty Robbins.
Nato il 17 gennaio 1929, Thomas Grady Martin non si immaginava certo quando a 17 anni era stato invitato alla sua prima registrazione in studio che  sarebbe diventato il sessionman più richiesto dello stato. Ha suonato per Hank Williams, Bing Crosby, Buddy Holly, Elvis Presley, e più recentemente per Kris Kristofferson e Joan Baez.
Liberation 13.12.2001

Álvaro Mutis vince il premio Cervantes
Colombiano, nato a Bogotà nel 1923, ma di formazione forzatamente cosmopolita a causa dell'esilio a lungo patito, Mutis è stato preferito dalla giuria a Fernando Arrabal. 
El Pais 13.12.2001

È morto Jean Richard
Aveva iniziato sui palcoscenici dei cabaret di Lione, per poi proseguire la sua carriera nel dopoguerra come attore nelle compagnie di giro. È stato proprietario di un circo che portava il suo nome e  creatore del primo parco divertimenti francese, il Mer de sable a Ermenonville. Nel 1967 fu chiamato ad interpretare il ruolo del commissario Maigret nella serie televisiva prodotta da France 2. Aveva 80 anni.
Le Figaro 13.12.2001

Torna su

 

  12.12.2001
  Arti

L'aereo spia fatto a pezzi diplomaticamente indifendibile. Censurato!
Alla esposizione di scultura franco-cinese in corso a Shenzhen, Huang Yong Ping, artista francese le cui opere sono state esposte alla Biennale di Venezia del 1999 e a quella di Shanghai l'anno passato, aveva scelto di rappresentare l'aereo spia americano, al centro di un incidente diplomatico tra USA e Cina questa primavera, diviso in 5 pezzi collocati in scatole da imballaggio per la restituzione. 
La diplomazia francese ha ritenuto l'opera indifendibile dopo gli attentati dell'11 settembre. Di conseguenza, i francesi hanno chiesto e ottenuto il ritiro dell'opera, la cui realizzazione era stata finanziata dal museo di Shenzhen.
Ugualmente, dal catalogo è sparita l'intervista a Huang Yong Ping, nella quale egli si dichiarava critico verso lo strapotere USA nel mondo.
Liberation 12.12.2001

 

  Spettacolo

Recensore condannato per calunnia: aveva giudicato uno spettacolo come il peggiore mai visto senza avervi assistito
Il cantante e attore David Soul ha accettato 20.000 sterline (60 milioni di lire) in riparazione della calunnia subita da Matthew Wright, recensore del Mirror. Questi aveva dichiarato nel suo articolo che la commedia di Soul The Dead Monkey era "senza dubbio il peggiore spettacolo del West End" che avesse visto. Il problema è che Wright non aveva assistito allo spettacolo, avendo mandato un giovane  giornalista in sua vece.
Independent 12.12.2001

Essere alla frutta
La Royal Opera House, a corto di quattrini, per raccogliere fondi sta cercando di vendere le scenografie. In una lettera agli appassionati dell'opera, il direttore Francesco Zambello offre la corona di Macbeth per 150 sterline (450 mila lire), mentre la spada di Otello è più cara: 250 sterline. Il pezzo più costoso è una Madonna usata nel Don Giovanni che è in listino a 4.500 sterline (13,5 milioni). La RHO riceve 20 milioni di sterline di finanziamento pubblico (60 miliardi di lire).
Telegraph 12.12.2001

 

  Media ed editoria

Vivendi-Universal in trattativa per acquistare USA Networks
Confermata da Vivendi-Universal la trattativa per l'acquisto delle attività di USA Networks che comprendono una rete televisiva, la catena Sci-Fi, e gli studi cinematografici USA e USA Films. Sembra che le attività siano state valutate tra i 13 e i 18 miliardi di dollari (26-36 mila miliardi di lire).
Liberation 12.12.2001

Il gruppo RTL annuncia una riduzione dei profitti per il 2001 del 35% ma conferma la politica delle acquisizioni
Nonostante un calo della pubblicità mai visto precedentemente e il conseguente calo dei profitti, il gruppo RTL ha dichiarato l'intenzione di acquistare il controllo del 100% delle catene radio e TV che non possiede ancora totalmente allo scopo di rispondere, in particolare in Germania, alla concorrenza del gruppo Liberty Media e del magnate della TV australiano  Rupert Murdoch. Il gruppo RTL è nato nel 2000 dalla fusione delle attività del gruppo inglese Pearson e del gruppo CLT-UFA. Il gruppo tedesco Bertelsmann, già azionista di CLT-UFA, controlla ora completamente RTL, numero 1 europeo della televisione gratuita.
Liberation 12.12.2001

 

  Politiche culturali

Niente soldi dal governo per l'Accademia d'Arte di Berlino: Schröder li chiede alle aziende
Gran gala con politici, artisti e manager di aziende invitati dal cancelliere Gerhard Schröder per trovare i soldi necessari alla Akademie der Künste, istituzione berlinese di fama internazionale. Non è ancora chiaro se le belle parole del cancelliere e le libagioni hanno convinto gli industriali e hanno portato alla storica istituzione culturale i frutti sperati.
Frankfurter Allgemeine Zeitung 12.12.2001

 

  Musei

La Casa bianca taglia i fondi per il restauro dello Smithsonian
L'Old Patent Office Building nel centro di Washington, sede dell' American Art Museum e della National Portrait Gallery, entrambe parte della Smithsonian Institution, è stato chiuso lo scorso anno per un restauro che avrebbe dovuto essere terminato in 5 anni. Ma l'Ufficio del bilancio della Casa Bianca ha proposto un taglio di 45 milioni di dollari (90 miliardi di lire) ai fondi 2002 per questo tipo di progetti, e l'inizio dei lavori sarà rimandato. Il loro completamento è ora previsto per il 2006.
The New York Times 12.12.2001 (*)

Torna su

 

  11.12.2001
  Arti

Questo avrei saputo farlo anch'io! Sì, ma non l'hai fatto!
L'opera con la quale Martin Creed ha vinto il Turner Prize è costituita da lampade che si accendo e spengono collocate in una stanza vuota alla Tate Gallery. Che cosa fa di essa un'opera d'arte? Sicuramente il contesto induce questa percezione, ma una realizzazione tanto minima pone il problema della capacità del pubblico di leggere un'opera d'arte abbandonando schemi interpretativi preconcetti, la percezione dell'arte come espressione delle capacità realizzative e manuali dell'artista, la presentazione evidente dei significati.
The Guardian 11.12.2001

 

  Cinema

Sony-Columbia guarda al mercato asiatico
Durante gli anni '90, Sony ha visto i suoi concorrenti - Disney e Viacom - allargarsi nel campo dei network televisivi. Limitata dalle leggi americane che impediscono a società straniere il possesso di televisioni, essa ha sviluppando una strategia di creazione di centri di produzione regionali in Germania, Brasile, Regno unito, Spagna. L'apertura di un ufficio a Hong Kong prosegue questa tendenza.
Arrivata in sordina e tra lo scetticismo degli operatori locali nell'1998, l'anno della crisi più profonda del cinema di Hong Kong, la Sony-Columbia grazie al fiuto di Barbara Robinson, produttrice già affermata a Taiwan, ha saputo cogliere l'opportunità per trasformare l'isola in un centro di attrazione per i talenti del sud est asiatico.
Dopo il successo di La tigre e il dragone, Sony ha deciso di passare dalla fase artigianale a quella industriale, rafforzando la produzione. Le prossime, destinate al mercato asiatico, sono: Virtual Twilight, di Cory Yuen, con Shu Qi (l'eroina di Millennium Mambo di Hou Hsiao-hsien), Double Vision, di Chen Kuo-fu, Heroes of Heaven & Earth, di He Ping, con Jiang Wen
Le Monde 11.12.2001

 

  Media ed editoria

Grandi manovre di giganti per spartirsi i mercati della tv satellitare e via cavo
Gli attori sono 4: Jean-Marie Messier - Vivendi Universal con Canal + -, Rupert K. Murdoch, australiano con potenti ramificazioni in Europa e USA, Leo Kirch, tedesco, e John Malone, americano, proprietario di Liberty Media, società televisiva leader nella distribuzione via cavo e detentore del 18% di News Corp., società di Murdoch. Il giocatore più pericoloso sembra essere l'ultimo, perché sta cercando di acquistare la maggioranza della rete di cavi di Deutsche Telekom, attaccando l'impero tedesco di Kirch. A sua disposizione si è messo Messier, proponendo una alleanza tra Canal + - 15 milioni di abbonati - e Liberty - 7 milioni di abbonati. In cambio, vorrebbe il 43% che Malone possiede dell'operatore via cavo USA Network. Questo gli permetterebbe di realizzare il sogno di mettere le sue mani sulla tv degli americani.
Liberation 11.12.2001

Murdoch tenta la scalata di Kirch che arrocca in difesa
Murdoch, che detiene il 22% della televisione a pagamento di Kirch, sta cercando da tempo di sfruttare la situazione pesantemente debitoria di questo per prendere il controllo della società. Per fare fronte a questa eventualità, Kirch sta accelerando la vendita della sua partecipazione del 25% in Telecinco - della quale il 40% è di Mediaset - e di quotare in borsa la sua Kirch Media.
Il Sole 24 Ore 11.12.2001

Tele + acquista Stream: corsa contro il tempo per firmare prima del verdetto dell'Antitrust
L'obiettivo della trattativa lampo aperta da Canal Plus (Vivendi-Universal) per l'acquisizione del 100% di Stream da News Corp e Telecom, è chiaro: chiuderla prima del 13 dicembre modo da poter ritirare il precedente progetto di fusione tra le due piattaforme che l'Autorità Antitrust non autorizzerà. Un'eventuale acquisizione - sembra in contanti -, e non una fusione, cambierebbe le cose. Il primo obiettivo è la riduzione dei costi, dopo che Stream e Tele+ si sono dissanguate nel farsi concorrenza per acquistare i diritti del calcio, cosa che non ha portato i ritorni sperati a causa delle numerose schede di decodifica pirata in circolazione. La presenza di un solo operatore abbatterebbe i costi di acquisto dei diritti.
Il Sole 24 Ore 11.12.2001

 

  Politiche culturali

Arts Council of England: licenziate quei burocrati fannulloni! Facile a dirsi, più difficile da fare
Quasi ogni anno negli ultimi 20 anni l'Arts Council of England è stato al centro di feroci critiche. In fondo il suo lavoro è relativamente semplice: favorire il contatto tra artisti e pubblico. Ma la sua attuazione sembra complessa.
L'ultima idea proposta dal direttore Gerry Robinson è di eliminare le strutture regionali - che contano 600 impiegati - per diminuire i costi di gestione. Il piano è stato ovviamente duramente contestato dagli uffici decentrati, che hanno ribattuto proponendo di ridurre il personale di quelli centrali. Infine è emerso che i suoi  tempi di realizzazione sarebbero di almeno 15 mesi e che i risparmi sarebbero inferiori ai costi legali necessari per metterlo in atto.
Tuttavia, nessuno ha calcolato i costi sopportati finora per tentare di mettere in atto ogni anno o due un nuovo piano di ristrutturazione.
The Times 11.12.2001

 

  Musei

Art Institute of Chicago accusa di frode uno dei gestori del suo patrimonio
L'FBI sta indagando sugli investimenti in fondi di copertura contro i rischi di crollo dei mercati finanziari effettuati dal museo di Chicago presso la società di Dallas Integral Investment Management LP. Secondo le informazioni disponibili, si tratterebbe di un investimento di 43 milioni di dollari (circa 90 miliardi di  lire) che avrebbe perso gran parte del suo valore. In particolare, un fondo nel quale sono stati investiti 23 milioni di dollari (46 miliardi di lire) avrebbe perso il 90% del suo valore.
Chicago Tribune 11.12.2001

Il management sotto accusa per la gestione del patrimonio del museo
Contrariamente alla norma secondo la quale circa il 10% del patrimonio delle istituzioni culturali degli USA è investito in fondi  di copertura, l'Art Institute of Chicago ha allocato il 59% dei suo patrimonio ammontante a 667 milioni di dollari (più di 1.300 miliardi di lire) in investimenti di questo tipo. Il consiglio di amministrazione del museo, tuttavia, asserisce di aver perseguito una politica di investimenti improntata alla cautela come dimostra il rendimento avuto negli scorsi anni, che è stato solamente del 10,5%.
Chicago Tribune 11.12.2001

 

  Cronaca

Ieri assegnati i Premi Nobel del centenario
La centesima edizione della cerimonia di consegna dei Premi Nobel si è svolta a Stoccolma e a Oslo, dove dalla sua istituzione è consegnato il premio per la pace.
El Pais 11.12.2001

Torna su

 

  10.12.2001
  Arti

"Appoggio gli artisti che hanno qualcosa da dire e hanno le palle per farlo"
Parole sante quelle pronunciate da Madonna nel consegnare a Martin Creed l'assegno di 20.000 sterline (60 milioni di lire) del Turenr Prize. A ben vedere, la pop star ha efficacemente sintetizzato la ben più prolissa motivazione stilata dai giudici del premio che, tra l'altro, recita: "I giudici hanno ammirato la sua audacia nel presentare alla mostra un solo lavoro e hanno sottolineato la sua forza, rigore, spirito e sensibilità per il luogo."
The Guardian 10.12.2001

Martin Creed vince il Turner Prize
"Quello che Creed ha fatto è stato di rendere minima l'arte minimalista dematerializzandola - togliendola dal mondo della cultura capitalistica frenetico e commercializzato."  Al Turner Prize Creed ha presentato una installazione intitolata The Lights Going On and Off, costituita da una stanza vuota con delle luci che si accendono e spengono.
BBC News 9.12.2001

Domenica si assegna il Turner Prize: mondo dell'arte in fibrillazione
Alla presenza di Madonna, domenica verrà annunciato il vincitore del premio più mediatico dell'arte contemporanea inglese.
The Time 7.12.2001

 

  Spettacolo

L'Accademia delle arti di Berlino rende omaggio agli allievi di Schoenberg
Tra il 1025 e il 1933, Arnold Schoenberg (1874-1951) tenne presso l'Accademia prussiana dei corsi di composizione frequentati da circa 25 allievi. Questi, dopo che Hitler chiuse la scuola, si dispersero, dedicandosi alla musica leggera o semplicemente cercando di sopravvivere in una situazione che li scippava del loro futuro. 
Una serie di concerti organizzati presso l'Accademia delle arti di Berlino rende ora omaggio a quelli di loro che hanno proseguito nella carriera di compositore. Tra gli allievi del maestro, oltre a nomi riconosciuti come Alban Berg e Anton von Webern, musicisti sconosciuti ai più come il greco Nikos Skalkottas, lo spagnolo Roberto Gerhard e Norbert von Hannenheim, originario della Transilvania.
Frankfurter Allgemeine Zeitung 10.12.2001

 

  Cinema

Hollywood stringe la mano a Bush
Dopo essersi studiati per un po', Casa bianca e Hollywood hanno iniziato ad andare a braccetto. Jack Valenti, patron dell'industria cinematografica, e Mark McKinnon, responsabile della campagna sui media di Bush durante le elezioni, si sono incontrati più volte.
La prima di Ocean Eleven, il nuovo film di Steven Soderbergh, è stata data nella base di marine in Turchia, alla presenza di Julia Roberts, Brad Pitt, George Clooney, Matt Damon et Andy Garcia. La settimana precedente, Behind Enemy Lines ha debuttato sullaportaerei americana USS Carl Vinson in navigazione nel Golfo persico. In quella occasione, l'attore David Keith ha autografato una bomba destina a bin Laden.
Anche se la parola propaganda è bandita e si sottolinea che il presidente non si interessa al contenuto delle opere, desta curiosità che il primo risultato di questa amicizia - un film di 3 minuti intitolato Hollywood Celebrates the Spirit of America - sarà proiettato in anteprima per il presidente.
Liberation 10.12.2001

 

  Politiche culturali

Le organizzazioni culturali israeliane criticano aspramente i criteri del governo per la distribuzione dei finanziamenti
Obbligato da un ricorso all'Alta corte di giustizia promosso dalle organizzazioni culturali - tra di esse il National Youth Theater, il Beit Lessin Theater e la Rishon Letzion Symphony Orchestra - il governo israeliano ha dovuto esplicitare la modalità di distribuzione dei contributi pubblici alla cultura. Il documento presentato ha sollevato molte critiche.
Definiti da formule matematiche, i criteri di distribuzione dei finanziamenti del ministero della cultura hanno suscitato le reazioni negative in particolare dalle compagnie teatrali perché, attraverso un sistema di pesi e di punteggi, essi favoriscono le istituzioni più tradizionali a svantaggio di quelle si fondazione più recente e di piccole dimensioni.
Alla modalità di assegnazione dei contributi proposta dal governo le organizzazioni culturali hanno opposto i modelli inglese o francese, considerati più flessibili.
Ha'aretz 10.12.2001

 

  Beni culturali

Quadro di Goya rubato a Torino
Il ladro ha staccato il quadro Il conte Ugolino (27,5 x 20,5 cm) dalla parete della sala dove era esposto, dandosi alla fuga tra i visitatori della mostra e riuscendo a raggiungere l'uscita dove lo aspettava un'auto che si è allontanata a gran velocità, prima che il servizio di sicurezza potesse intervenire. Il quadro era proprietà di un antiquario.
El Mundo 10.12.2001

 

(*) Gli articoli del New York Times sono disponibili registrandosi gratuitamente.

 
torna all' inizio della pagina