Le segnalazioni del 23 - 29 luglio 2001

Torna all'archivio 2001

29.7.2001

ARTI

Non andarono distrutti nel 1945 i capolavori conservati nella Gemäldegalerie di Berlino
Secondo Klaus Goldmann, esperto nel rintracciare opere d'arte scomparse, 434 capolavori di Maestri antichi - Luca Signorelli, Paolo Veronese, Guido Reni, Peter Paul Rubens, Anton Van Dyck, Jacob Jordaens, Caspar David Friedrich, Adolph von Menzel, e Caravaggio - che non poterono essere nascosti a causa delle loro grandi dimensioni, furono trasportati dagli americani da Berlino verso il Magdeburgo. Di essi si sono poi perse le tracce, ma è possibile che siano conservati in depositi segreti negli USA. La risposta è chiusa negli archivi dell'esercito americano.
Frankfurter Allgemeine Zeitung 29.7.2001

Il multiculturalismo non ha sfondato nel mondo delle arti
L'ideale della diversità espressa negli anni '90 - mischiare le culture, diffondere la ricchezza che nasce da questo e creare una nuova coscienza - non ha avuto un vero successo. Legando l'arte alle istanze razziali, etniche e dell'identità sessuale, il multiculturalismo ha ricavato consistenti aree di visibilità, ma le ha anche costrette in uno spazio limitato. Gli artisti delle minoranze sono stati ammessi nei centri di potere del sistema dell'arte, solo per trovarsi poi, a parte alcune eccezioni, a guardarlo da ghetti culturalmente circoscritti. Invece di realizzare una integrazione dalla periferia al centro del mondo delle arti, si è andati verso una più profonda evidenziazione dell'appartenenza ai gruppi razziali, realizzando esposizioni di arte nera, latino-americana, asiatico-americana che hanno offerto nuove opportunità agli artisti, ma che hanno approfondito le divisioni e omogeneizzato le differenze delle etnie di ogni singola area geografica. La possibilità di superare questa situazione è nelle mani degli artisti e nella loro capacità di affermare la loro libertà di scelta. Questo potrebbe produrre una nuova arte americana sinceramente fondata su un modello cosmopolita, e gettare nella spazzatura etichette contingenti e legate al fronteggiarsi delle culture.
The New York Times 29.7.2001 (*)

 

CINEMA

Più dello schermo poté Internet
A.I. - Artificial Intelligence, Intelligenza artificiale - di Steven Spielberg è stato una delusione: dopo tre settimane è già scomparso dai top 10, dove troviamo in testa invece il terzo film di una fortunatissima serie nata con lo stesso Spielberg: Jurassic Park III. Ma in compenso A.I. ha generato un gioco Internet che continua a raccogliere legioni di cibernauti sempre più folte ed entusiastiche. "Il film è spazzatura, ma il gioco è incredibile." Anche qui c’è uno scontro robot contro umani, ma è lo sfondo per una vicenda che sta a metà tra un giallo e una caccia al tesoro i cui partecipanti devono indagare sulla morte di un ricercatore scientifico chiamato Evan Chan, ucciso da un tale Enrico Basta. Alla Warner e alla DreamWorks, che hanno prodotto insieme A.I., lo straordinario successo del gioco in rete legato al film ha suscitato molta attenzione. Internet serve non solo per ripetere ciò che è già stato diffuso con altri media, ma apre moltissime strade mai esplorate.
La Stampa 29.7.2001

 

POLITICHE  CULTURALI

La lezione della Berkshire County
Situata nell'ovest del Massachusetts, la Berkshire County è diventata il punto caldo della cultura USA durante l'estate. Risultato: metà delle entrate provenienti dal turismo nella contea - 250 milioni di dollari, 500 miliardi di lire - vengono dalla cultura. La strategia: collaborazione tra le istituzioni. Cosa c'è: Tanglewood, la residenza estiva della Boston Symphony Orchestra; il Jacob's Pillow Dance Festival a Becket; il Williamstown Theatre Festival; il Clark Art Institute a Williamstown, il Massachusetts Museum of Contemporary Art, la Berkshire Opera Company, e Shakespeare & Company. Una lezione per la città di Boston. E non solo.
Boston Globe 29.7.2001

I siti web di alcune delle occasioni culturali della Berkshire County: Tanglewood, Jacob's Pillow Dance Festival, Williamstown Theatre Festival, Clark Art Institute, Massachusetts Museum of Contemporary Art, Berkshire Opera Company, Shakespeare & Company.

 

28.7.2001

CINEMA

I Leoni di Venezia
Due premi saranno assegnati nei concorsi Venezia 58 e Cinema del Presente ai quali si affianca il Leone del Futuro per l'Opera prima. Spiega Alberto Barbera, direttore della Biennale cinema: "La scelta dei due concorsi si deve a due motivi, da una parte mi sembrava ingiusta la distanza tra concorso e sezioni collaterali, dall'altra mi sembrava un modo per forzare un po' la mano ai giornalisti perché se ne occupano. Ho cercato di evitare la trappola di dividere le due sezioni in serie A e B mescolando le carte tra autori affermati ed emergenti. La differenza è che nel Cinema del Presente ci sono film un po' fuori dal comune, più attenti alla ricerca."
La Repubblica 28.7.2001

 

CRONACA

È morto Sergio Saviane
Sergio Saviane è morto all'età di settantotto anni. Noto per la sua verve di polemista e per la sua satira irriverente, Saviane era stato per lungo tempo inviato e critico dell'Espresso ed aveva coniato, tra l'altro, il termine "mezzobusto".
La Repubblica 28.7.2001

 

27.7.2001

ARTE

Phillips si aggiudica la vendita della collezione Smooke
Vincendo la concorrenza di Sotheby's e Christie's, Phillips, de Pury & Luxembourg il 5 novembre metterà all'asta la collezione posseduta dagli eredi di Nathan and Marion Smooke, collezionisti di Los Angeles. Il valore della collezione, che comprende opere di Schiele, Picasso, Matisse, Modigliani, è stato stimato in 140 milioni di dollari (280 miliardi di lire), e si mormora che Phillips abbia garantito un prezzo di vendita vicino a 200 milioni di dollari.
The New York Times 27.7.2001 (*)

 

SPETTACOLO

Festival di Avignone: troppi spettacoli, creazione in ribasso, accoglienza mediocre
Sale piene per la sezione in, festival off pletorico - 650 spettacoli in cartellone - più di mezzo milione di spettatori in tutto, decine di dibattiti: in termini contabili il festival è un successo. Ma in primo luogo, il numero delle nuove creazioni nella sezione in è largamente inferiore a quello delle riproposte. Poi i prezzi sono cari: da 140 a 200 franchi per i posti migliori, 140 per gli altri e non esiste un abbonamento. Un successo con qualche neo.
Liberation 27.7.2001

Ladyfest Scotland 2001 per sostenere la musica delle donne
Il primo Ladyfest si era tenuto l'anno scorso a Olympia, Washington e, pur non avendo avuto nessun seguito locale quest'anno, ha dato origine a altri Ladyfest tanto negli Stati Uniti quanto in Europa. Il Ladyfest Scotland si terrà a Glasgow tra il 12 e il 14 agosto 2001. 
The Electronic Herald 27.7.2001

Il sito del Ladyfest Scotland 2001 e quello del Ladyfest 2000, con la storia dell'iniziativa e i link agli altri festival.

Calano le vendite dei CD? Finalmente una buona notizia!
Scrive Sandro Cappelletto: "Signori della musica pop, cantanti, chitarristi, batteristi e produttori è con profondo piacere che si accoglie la notizia del calo delle vendite dei vostri dischi nonostante la chiusura di Napster. L’offerta, prima ancora che globale, è diventata uniforme: perché allora dovrei comprare l’ultimo disco dell’estate se è di fatto identico a quello di ieri e di dopodomani? E’ il mercato, bellezza: il prodotto che viene a noia, finisce presto nel retrobottega.
La Stampa 27.7.2001

 

MEDIA - EDITORIA

In calo le entrate della RAI. Tagli per 200 miliardi
Nel 2001, la Rai prevede incassi pubblicitari in calo di 252 miliardi, mentre le entrate da canone salgono appena del 2 per cento. Il presidente dell'azienda Zaccaria e il direttore generale Cappon assicurano che la "gelata" pubblicitaria è la più grave degli ultimi 10 anni e costringe la Rai a rivedere le previsioni di bilancio. Il calo dei ricavi sarà del 2%, dai 5214 miliardi del 2000 ai 5121 del 2001.
La Repubblica 27.7.2001

 

MUSEI

Lo Smithsonian va a pezzi: 1.5 miliardi di dollari per ripararlo
Uno studio commissionato dal Congresso all'agenzia indipendente National Academy of Public Administration ha certificato lo stato di degrado nel quale versano i 16 musei che fanno parte delle Smithsonian Institutions. Sotto accusa le carenze gestionali dovute allo scarso coordinamento tra le diverse istituzioni che, a volte, agiscono in competizione e danneggiandosi vicendevolmente, senza riguardo agli obiettivi generali del complesso di musei.
Washington Post 27 .7.2001

 

26.7.2001

ARTE

Con "Intersecando" l'arte contemporanea viaggia sulle onde della radio
La trasmissione va in onda tutti i venerdì dalle 18 alle 19 e in replica il sabato dalle 12 alle 13 sulle frequenze di Radio Siena.Ddice il curatore della trasmissione, Marco Sammicheli: "Gli argomenti della trasmissione vengono scelti da me in collaborazione con l’ufficio stampa del Palazzo delle Papesse. Inizialmente il riscontro avuto dal pubblico è stato timido poi con il passare delle puntate si è creato un solido canale di comunicazione che ha permesso la creazione di veri e propri gruppi di ascolto e di neofiti dell’arte contemporanea."
Exibart 26.7.2001

 

SPETTACOLO

Prova d'orchestra come metafora dell'organizzazione di un team di lavoro
Durante il corso di formazione The music paradigm Roger Nierenberg, direttore della National Symphony Orchestra di Washington, conduce, uno alla volta, alcuni manager d'impresa sul podio e, consegnando loro la bacchetta da direttore, li invita a condurre l'esecuzione dell'ultimo movimento della Prima sinfonia di Brahms. Per i direttori neofiti l'esperienza mette in chiaro la responsabilità e le problematiche della leadership e del lavoro in gruppo. The music paradigm , che viene organizzato regolarmente, non solo aiuta ad avvicinare l'orchestra a potenziali donatori ma, nell'opinione di Nierenberg, "può rivoluzionare la formazione dei dirigenti e ridefinire il ruolo dell'educazione musicale nel 21esimo secolo."
The New York Times 26.7.2001 (*)

Il punto sulla World Music
La definizione world music è nata alla fine degli anni Ottanta per connotare tutti i generi musicali che non erano né americani né inglesi. Fortemente anglocentrica, la definizione tracciava uno steccato intorno alla musica che non parlava in inglese. Ciò nonostante, la world music prospera e gode di ottima salute.
San Francisco Chronicle 26.7.2001

 

MEDIA - EDITORIA

Quattro libri di autori neri ai primi posti nella classifica di vendita del New York Times
Il fatto non ha precedenti ed è la chiara dimostrazione della crescita tanto di un pubblico di colore desideroso di leggere storie che lo riguardi, quanto di autori capaci di raccontarle con una narrazione di qualità.
The New York Times 26.7.2001 (*)

 

POLITICHE  CULTURALI

I fondi del ministero della cultura tagliati del 20%
Sebbene la cifra assoluta delle spese per la cultura sia aumentata, in realtà il rapporto The UK Cultural Sector: Profile and Policy Issues ha stabilito che i fondi assegnati dal ministero della cultura sono diminuiti del 20%, nonostante la promessa del governo che essi sarebbero rimasti invariati e che i fondi provenienti dalla lotteria avrebbero dovuto essere "denaro in più" aggiunto al budget ordinario.
Guardian 26.7.2001

Non sanno quello che fanno
La spesa del governo britannico per la cultura ammonta a 5 miliardi di sterline (15 mila miliardi di lire). Un rapporto del Policy Studies Institute sulle spese nel 1998 - 1999 afferma che la frammentarietà e incompletezza dei dati in possesso del governo è tale rendere impossibile sia stabilire come questi soldi sono stati spesi, sia quanto e quale pubblico ha trovato beneficio dalla spesa di denaro pubblico. Sembrerebbe comunque che le spese sono state inefficaci nel raggiungere almeno l'obiettivo dell'allargamento dell'audience, in decrescita per tutti i settori della cultura tranne che per la danza contemporanea.
BBC News 25.7.2001

La presentazione del rapporto The UK Cultural Sector: Profile and Policy Issues dal quale si evince "una seria mancanza di analisi che indebolisce tanto il processo decisionale quanto i risultati della politica."

 

BENI  CULTURALI

Un occhio di riguardo per i privati
L'occhio è quello dell'autonominatosi custode dei monumenti Vittorio Sgarbi. Gli oggetti sui quali esso è caduto sono una parte dell'antica città di Portus, nei pressi di Ostia, di proprietà dei principi Sforza Cesarini che rimarrà privata e non sarà unita alla restate di proprietà pubblica, e le statue scavate dai principi Torlonia, che verranno esposte al pubblico in un museo privato in cambio della concessione di una licenza edilizia.
Il Manifesto 26.7.2001 

 

CRONACA

Harold Pinter appoggia la campagna per la liberazione di Slobodan Milosevic
Secondo Pinter, che fu un fiero oppositore al bombardamento della Serbia da parte della NATO, l'arresto del dittatore è illegale e anticostituzionale. Nonostante egli creda che Milosevic sia un individuo spietato e selvaggio, Pinter ha affermato che è stato ingiustamente dipinto come il "macellaio dei Balcani", mentre molti crimini sono invece da ricondurre alla responsabilità del suo vice ultra-nazionalista Vojislav Seselj.
Guardian 26.5.2001

100 anni fa nasceva Louis Armstrong
Un ricordo di una personalità e di un artista che fu molto più di un semplice trombettista.
Guardian 26.7.2001

 

25.7.2001

SPETTACOLO

Accolte le richieste dei lavoratori temporanei
Le manifestazioni dei lavoratori dello spettacolo temporanei ad Avignone sono terminate dopo una lettera di assicurazione mandata da Jospin.
Liberation 25.7.2001

Al Festival di Avignone protesta dei lavoratori dello spettacolo
Una sessantina di tecnici con contratti a termine guidati dalla CGT hanno manifestato per ottenere dal governo una forma assicurativa per i periodi di inattività
Libaration 23.7.2001

Come ti erudisco il pupo
P.D. è un giovane dj di una radio in un'area urbana del sud. P.D. racconta il suo primo incontro con un indie, un promotore di musica indipendente e di come ha capito come mai il suo predecessore girava su una Lexus. Il gioco funziona così: per programmare certa musica, e quindi per promuoverla, i dj prendono bustarelle. A mazzi. Le case discografiche finanziano i promotori e incassano i profitti delle vendite. Semplice, no? Il tutto, per quanto moralmente discutibile, è perfettamente legale. Quasi sempre. Salon ha dedicato in passato molta attenzione a questo settore del mercato musicale. Questo articolo riassume la questione.
Salon 25.7.2001

 

CINEMA

Giovani cineasti tedeschi con pochi mezzi e meno idee
L'Oscar per Quiero Ser di Florian Gallenberger ha portato un po' di attenzione verso i giovani cineasti tedeschi. Questo ha permesso l 'uscita di Honolulu, film diretto da un gruppo di giovani registi. Tuttavia, la qualità della realizzazione e l'esilità della narrazione non inducono a pensare che una nuova cinematografia tedesca stia nascendo. Se la povertà dei mezzi a disposizione dei giovani certo non aiuta, ancora più preoccupante sembra la loro mancanza di idee narrative.
Frankfurter Allgemeine Zeitung 25.7.2001

Con Lagaan Bollywood entra nella classifica dei 10 film campioni di incasso
È la prima volta un film di produzione indiana entra in classifica in Gran Bretagna.
Independent 25.7.2001

Gary Mundell non crede che gli attori virtuali sostituiranno quelli reali
In risposta ad una dichiarazione di Tom Hanks resa al New York Times, nella quale egli esprimeva l'ineluttabilità dell'inarrestabile avanzata degli attori virtuali, Gary Mundell, creatore canadese dei modelli utilizzati in Final Fantasy -- The Spirits Within, ritiene che il virtuale non sostituirà gli attori reali. Ciò che sta nascendo a suo parere è piuttosto una nuova forma di spettacolo di massa.
The Globe and mail 25.7.2001

 

MEDIA - EDITORIA

British Sky Broadcasting aumenta clienti e perdite
BSkyB, posseduta per il 37.5% da Rupert Murdoch, ha perso nell'ultimo anno 514.5 milioni di sterline (1.600 miliardi di lire). La televisione ha 5 milioni e mezzo di abbonati con un ricavo di 2.3 miliardi di sterline. Il ricavo per cliente è di 300 sterline (poco meno di 1 milione di lire). La posizione dominante sul mercato di BSkyB è stata costruita regalando i decodificatori, operazione che ha comportato costi ingenti.
BBC News 25.7.2001

 

CRONACA

Eudora Welty morta a 92 anni
La scrittrice non ha mai ottenuto su questo lato dell'atlantico il successo che ha avuto in patria. Scrittrice di racconti e romanzi, era nata a Jackson, Mississippi. 
Liberation 25.7.2001

Una completa biografia e bibliografia della scrittrice da The Mississippi Writers page.

Proiettato Injustice, documentario controverso sulle violenze della polizia inglese
La Metropolitan Police Authority londinese ha organizzato la proiezione di un documentario sulla morte di due persone durante il fermo di polizia, nonostante le minacce rivolte ai gestori dei cinema dagli avvocati dei poliziotti coinvolti e dalla Police Federation, l'associazione che rappresenta i sottufficiali della polizia.
The Independent 25.7.2001

 

24.7.2001

ARTE

Il difficile riconoscimento del valore estetico e espressivo dell'arte aborigena
Gabrielle Pizzi, mercante australiana d'arte aborigena con una solida esperienza alle spalle, si è vista rifiutare la partecipazione alla Fiera di Colonia nel 1994 perché gli artisti da lei rappresentati sono stati considerati artisti popolari, e nel 1998 fu invitata ad esporre solo artisti di provenienza urbana. Questo esempio mostra l'ambiguità di classificazione con la quale viene considerata l'arte aborigena, compressa tra approcci antropologici e interpretazioni mistiche new age.
The Art Newspaper 24.7.2001

All'asta a New York e non a Parigi la collezione Gaffé
Inizialmente prevista a Parigi, l'asta della collezione Gaffé si svolgerà da Christie's a New York. La collezione dell'industriale ed editore belga René Gaffé, morto nel 1968, fu realizzata negli anni '20 e '30 e comprende opere di Hans Arp, Braque, Léger, Magritte, Miro, e Picasso. Si stima che il suo valore sia di 50 milioni di dollari (100 miliardi di lire), ma data la rarità della presenza sul mercato di opere di quell'epoca, si ipotizza che l'ammontare totale della vendita, effettuata senza prezzo di riserva, raggiungerà un valore pari al doppio.
Le Monde 24.7.2001

Fiamminghi e olandesi spingono le quotazioni di mercato alle stelle
Durante le aste di Maestri antichi tenute l'11 e il 12 luglio a Londra da Sotheby’s e Christie’s le opere dei maestri fiamminghi e olandesi hanno raggiunto nuove quotazioni record. Condizione, provenienza e rarità sono stati i fattori chiave che hanno fatto il prezzo.
The Art Newspaper 24.7.2001

 

SPETTACOLO

Teatro nazionale scozzese
Lo Scottish Arts council sta sostenendo il progetto di un teatro nazionale scozzese. 
BBC Nes 24.7.2001

Chi ha paura di Courtney Love?
Courtney Love sta mettendo a soqquadro il mondo della musica e minacciando lo strapotere delle case discografiche, accusandole di arricchirsi indebitamente alle spalle degli artisti. Love minaccia di andarsene dalla Universal, e di produrre da sola la propria musica. La sua mossa sembra possa essere seguita da altre star, shockate dai casi di Toni Braxton o di TLC che, dopo anni di successi, si sono trovati sul lastrico. Gli artisti pagano per tutto, dice Love, ma non possiedono nulla perché subiscono le condizioni imposte delle case discografiche che agiscono da una posizione di forza monopolistica. Ma ora la disponibilità di strumenti di registrazione a prezzi risicati e Internet rimescola le carte.
The Guardian 24.7.2001

 

MEDIA - EDITORIA

Gotham Book Mart chiude la sua libreria vecchia di 50 anni
Gotham Book Mart, fondata nel 1920 da Frances Steloff, era una di quelle librerie disordinate dove i bibliofili e autori come J. D. Salinger, Saul Bellow e Edward Gorey passavano il loro tempo a cercare chicche nella confusione delle migliaia di libri disponibili. L'intenzione del proprietario, Andreas Brown, è di realizzare un buon profitto dalla vendita dello stabile che ospita ora la libreria, collocato sulla 47esima strada ovest, per riaprirla in locali meglio attrezzati. Spiega: "I clienti amano la nostalgia; non vogliono cambiare. Ma se vuoi fare andare il negozio, della nostalgia non te ne fai un granché."
The New York Times 24.7.2001 (*)

 

POLITICHE  CULTURALI

Lo stato dell'arte
Qual'è lo stato dello spettacolo dal vivo in America all'inizio del 21esimo secolo? Dopo un decennio di espansione, come sta andando ora? La domanda sale o scende? Più americani scelgono lo spettacolo come loro professione? Qual'è l'effetto dell'Internet sullo spettacolo? Il rapporto The Performing Arts in a New Era cerca di rispondere a queste domande. Disponibile per il download dal sito della Rand, organizzazione non-profit di ricerca e sviluppo.

In USA le istituzioni culturali di media grandezza rischiano la crisi e la chiusura
Lo stabilisce uno studio commissionato dal Pew Charitable Trusts di Philadelphia, che ha finanziato con 50 milioni di dollari (100 miliardi di lire) una iniziativa quinquennale per disegnare una politica culturale nazionale esaminando aspetti quali il finanziamento, la proprietà intellettuale e l'educazione artistica. In particolare, secondo lo studio sono a rischio le organizzazioni lontane dalle città maggiori con un budget compreso tra i 650mila e i 9 milioni di dollari (1.3 - 18 miliardi), le quali sperimentano crescenti difficoltà ad avere pubblico e a coprire i costi.
The New York Times 23.7.2001 (*)

Integralismo
Un comitato parlamentare israeliano ha proposto di boicottare fino a quando non chiederà scusa Daniel Barenboim, reo di aver diretto Wagner in Israele.
BBC News 24.7.2001

I sindaci delle città sull'acqua scrivono a Bush perché ratifichi il protocollo di Kyoto
In coincidenza del G8 di Genova e della conferenza sul clima di Bonn, Paolo Costa, sindaco di Venezia, insieme più di 30 colleghi tra cui Ken Livingstone, sindaco di Londra, Paul Schell sindaco di Seattle, Joan Clos sindaco di Barcelona e i sindaci di L'Aia, Bilbao, Rio de Janeiro, Dubrovnik, Dublin, Dakar, Dhaka in Bangladesh, Antwerp e Lisbon, ha rivolto un appello a Bush perché riconsideri la posizione americana sulla riduzione dell'emissione di gas che producono l'effetto serra. Gli esperti sono ampiamente concordi che senza interventi, il livello del mare potrebbe alzare di 45 - 60 cm, rendendo inabitabile Venezia, il cui livello si è abbassato di 23 cm rispetto al 1900.
The Art Newspaper 24.7.2001

 

BENI CULTURALI

Il libro elettronico pone a editori e biblioteche il problema della gestione dei diritti d'autore
Cosa succede una volta che un ebook è prestato ad un lettore da una biblioteca? Quali sono le garanzie che esso non sia ulteriormente distribuito? Può la biblioteca prestare più volte contemporaneamente lo stesso ebook avendone acquistato una sola copia? Al momento non ci sono risposte convincenti e sistemi efficaci per risolvere questi problemi.
Time 24.7.2001

 

MUSEI

Il museo dove si noleggiano i quadri
La Rental Gallery del San Francisco Museum of Modern Art esiste da 23 anni. Essa espone opere di artisti dell'area. La sua caratteristica unica è che i lavori possono essere noleggiati. Lo scopo dell'istituzione è di promuovere l'arte presso i privati e di sostenere gli artisti della zona. Dalla sua fondazione, la galleria ha distribuito loro più di 10 milioni di  dollari (20 miliardi di lire). Ora il SFMOMA ha deciso di riformare l'istituzione chiamandola Artists' Gallery: questo cambiamento ha suscitato le proteste degli artisti che temono la sua messa in discussione per un radicale cambio di orientamento.
San Francisco Chronicle 24.7.2001

Frank Gehry progetta un nuovo museo a Biloxi, Mississipi
Il Ohr-O’Keefe Museum of Art sarà formato da una serie di padiglioni in un'area di 16mila mq. Esso è finanziato da Jeremiah O’Keefe, che ha donato il primo milione di dollari dei 16 necessari a completare l'opera. Il museo sarà dedicato al ceramista americano del 19esimo secolo George Ohr, e avrà sezioni dedicate all'arte Afro-Americana e a quella contemporanea.
The Art Newspaper 24.7.2001

 

CRONACA

Sponsor scomodo: Perrier Awards boicottato dagli attori
L'attore Rob Newman ha proposto il boicottaggio del Perrier Awards for comedy consegnato durante l'Edinburgh Festival Fringe, riconoscimento che ha contribuito a lanciare i più famosi comici inglesi. La Perrier appartiene al gruppo Nestlé, oggetto di critiche per la sua politica di diffusione del latte artificiale nei paesi sottosviluppati.
The Independent 24.7.2001

 

23.7.2001

SPETTACOLO

Mortier saluta Salisburgo
Dice: "Una cittadina provinciale che vive senza contatti con la realtà. Il mondo, fuori, è orribile e violento. Ho cercato di raccontarlo. Ma qui vogliono vedere sempre le stesse cose, nello stesso modo. Per loro, questo è il Bello"
Corriere della sera 23.7.2001

L'ultimo festival di Mortier a Salisburgo e il primo senza Sinopoli a Bayreuth
Il festival della città di Mozart prende il via oggi. È l'edizione conclusiva di Gérard Mortier, direttore artistico dal ‘91, polemista rabbioso e ferocemente ostile a Haider. Quest'anno scade il suo mandato ed è pronto il successore (il tedesco Peter Ruzicka).
Il 25 luglio sarà la volta dell'inaugurazione del Festival di Bayreuth.
La Repubblica 22.7.2001

Salisburgo goes back to the future
Uno dei più importanti risultati della direzione di Gérard Mortier è di aver riporato il festival alle sue origini, dopo la direzione di Herbert von Karajan. Fondato nel 1920 tra gli altri da Hugo von Hofmannsthal, Max Reinhardt, il festival fu creato nel solco dell'ormai caduto impero austro ungarico, in reazione al modernismo nascente a Vienna, ma, pur avendo una origine  cosmopolita, esso implicitamente riconosceva la supremazia della cultura germanica. Organico al nazismo, il festival fu diretto da Karajan dal 1956 fino alla morte nel 1989. Nonostante questo periodo fu segnato da interpretazioni memorabili, al termine esso era diventato soprattutto un grosso affare economico artisticamente moribondo. Mortier ha cercato di reagire alla letargia introducendo nuovi autori, giovani interpreti e una cultura cosmopolita. 
The New York Times 22.7.2001 (*)

 

MUSEI

Gli alti prezzi dei Maestri antichi tagliano fuori dal mercato i musei inglesi
A fronte di prezzi di mercato crescenti, i fondi destinati agli acquisti dei musei inglesi sono simili o inferiori a quelli di 10 - 20 anni fa. L'articolo riporta le cifre dettagliate per alcune delle maggiori istituzioni del Regno unito.
Telegraph 23.7.2001

 

CRONACA

È morto Indro Montanelli
Scrive Eugenio Scalfari: "E' stato, per più di mezzo secolo, il personaggio più rilevante, più controverso e quindi più amato e odiato del giornalismo italiano. E anche il più difficile da catalogare tra le varie famiglie culturali, politiche e professionali di questo nostro mestiere."
La Repubblica 23.7.2001

 

(*) Gli articoli del New York Times sono disponibili registrandosi gratuitamente.

 
torna all' inizio della pagina
per saperne di più