Massimiliano Monaci
Genere e organizzazione
Questioni e modelli interpretativi
Guerini e Associati 1997
 
 

Nel corso dell'ultimo decennio gli studi di genere si sono costituiti come osservatorio e sede di discussione privilegiati delle pratiche di discriminazione e segregazione sessuale, ossia dei meccanismi medianti i quali, nei contesti di vita associata, le diversità biologiche fra uomini e donne vengono utilizzate come criterio per costruire, legittimare e preservare differenze sociali - in termini di ruoli, status e potere - fra i rappresentanti dei due sessi.
Il volume fronisce una rassegna critica delle modalità disintive con cui negli anni recenti questo filone di ricerca si è sviluppato nell'area della teoria organizzativa e manageriale. L'ipotesi guida dell'intero lavoro è che, come più in generale nelle scienze sociali, in questo campo il discorso sulle differenze e sulle relazioni di genere sia stato declinato in base a coordinate - epistemologiche, concettuali e operative - che trovano la propria matrice storico-intellettuale nei diversi indirizzi del pensiero femminista. A partire da questo riferimento di fondo si propone una griglia interpretativa che identifica tre principali orientamenti di indagine delle intersezioni tra genere e organizzazione: la prospettiva "women-in-management", quella critico-radicale e quella postmoderna. Di ciascuno di questi approcci si analizzano le indicazioni e le implicazioni più salienti dul piano sia teorico che pratico.
Il volume si propone dunque non solo come rappresentazione complessiva dello stato dell'arte della questione del genere negli studi organizzativi, ma anche come strumento per riflettere su una serie di dinamiche che, se da un lato tendono a sfuggire alla nostra consapevolezza in virtù della loro apparente connessione con le "naturali" differenze fra i sessi, dall'altro influenzano pesantemente la nostra vita quotidiana - di donne e di uomini - nei contesti di lavoro contemporanei.

Massimiliano Monaci, che ha conseguito il dottorato in sociologia con una tesi sui fattori di complessità negli studi organizzativi contemporanei, svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Sociologia dell'universià Cattolica di Milano e dell'ISTUD di Stresa.

Return