I PERCORSI DEL SUBLIME
A cura di Achille Bonito Oliva

 
Palermo, Palazzo d'Orleans e Albergo delle Povere
16 maggio - 15 luglio 1998
Inaugurazione: venerdì 15 maggio, ore 18.30
Orario: 10.00-12.30/16.00-19.30 Ingresso libero

Organizzazione della mostra: Mediacomm tel. 02-70107021

Catalogo con testo di Achille Bonito Oliva, testimonianze di Gianni Riotta,
Salvatore Sciarrino, Manlio Sgalambro, Giuseppe Tornatore.
Edizioni Gabriele Mazzotta


 
La Presidenza della Regione Sicilia, in un momento particolare della vita e dell'impegno sociale delle città del Sud d'Italia che stanno riemergendo nel loro ruolo storico di portatrici della cultura del nostro tempo, presenta dal 15 maggio al 15 luglio 1998 la rassegna d'arte contemporanea I percorsi del sublime, curata da Achille Bonito Oliva.
La mostra si inserisce all'interno dei festeggiamenti del 52° anniversario della Regione e intende dare un forte contributo per rilanciare Palermo e la Sicilia in un circuito culturale più ampio rispetto a quello regionale.
Sono stati quindi invitati per l'occasione pittori, scultori e scrittori siciliani contemporanei di chiara fama il cui lavoro differente nel linguaggio è accomunato da un identico amore per la bellezza.

 
Ogni artista presenta una selezione di opere di media e grande dimensione realizzate dall'inizio della sua carriera fino ai nostri giorni, che saranno esposte rispettivamente in due spazi storici della città di Palermo.
All'Albergo delle Povere saranno presentati 32 dipinti di Carla Accardi, Piero Guccione, Emilio Isgrò, Alfonso Leto, Marcello Lo Giudice, Pino Pinelli, Alfredo Romano, Salvo, che vanno dal 1950 al 1998, mentre a Palazzo d'Orleans saranno esposte 5 sculture in bronzo e marmo di Pietro Consagra, realizzate tra il 1960 e il 1998.

 
Per l'anniversario della Regione siciliana Consagra donerà Controluce euforico: una scultura sottilissima a dimensione urbana, alta tre metri e spessa due centimetri. L'opera in bronzo è, come ogni scultura del maestro, bifrontale.
 
L'importanza degli autori presenti sottolinea un percorso ideale della storia dell'arte contemporanea italiana: pittura informale del gruppo "Fronte Nuovo delle Arti" degli anni '50 nelle pitture di Franca Accardi; scultura astratta frontale nelle libere evoluzioni di bronzo e di marmo nelle opere di Pietro Consagra (Leone d'oro per la scultura alla Biennale di Venezia del 1964); lirismo onirico e luce mediterranea nelle opere di Piero Guccione; installazioni innovative, dagli anni '60 a oggi, dove colore e materia si fondono insieme nelle opere di Pino Pinelli; naturalismo cromatico ricco di un'originale ricerca dello spazio nelle opere di Marcello Lo Giudice; immagini del reale quotidiano filtrato da uno studio approfondito dei grandi pittori del '500 nei lavori di Salvo; sovrapposizioni di una pittura in cui filosofia, poesia e immagine si fondono e comunicano la "bellezza" nelle opere di Isgrò; sensibile rappresentazione di un mondo perduto caratterizzato dall'originalità dei materiali nelle opere di Alfredo Romano; figurazione e cancellazione nelle opere di Alfonso Leto.
 
Il catalogo, edito da Mazzotta (80 pp., 70 ill., L.30.000), oltre a contenere il testo del curatore Achille Bonito Oliva e a illustrare tutte le opere esposte, sarà arricchito dalle testimonianze di alcuni tra i più significativi scrittori e filosofi siciliani: Gianni Riotta (sulla cultura siciliana e sui problemi della Sicilia, oltre a un estratto del Principe delle nuvole), Salvatore Sciarrino (testo musicale), Manlio Sgalambro (testo filosofico), Giuseppe Tornatore (racconto inedito, Ll'America del 1986).

Return