la rivista di 










I 123 anni di Wimbledon
















Nel 1875 l'esclusivo All England Croquet Club aveva i conti in rosso. In Inghilterra si stava diffondendo un nuovo sport, il tennis, e un sacco di gente smetteva di giocare a croquet (o cricket, come si scrive oggi) per passare alle racchette. Allora il Club decise di trasformare un campo da cricket in un campo da tennis, e l'anno successivo (visto che i conti comunque non andavano ancora bene) venne l'idea di fare un torneo. Siamo nel 1877 e nasce Wimbledon.

La sua storia: http://hickoksports.com/history/wimbmen.shtml#top

Visto che stiamo parlando delle origini del torneo, facciamo un passo ancora più indietro nel tempo.

Non lontano da Wimbledon, presso l'Università di Oxford, fin dal 1595 si è giocato a tennis. Il campo di allora non c'è più, ma quello costruito nel 1798 c'è ancora. Lo si vede in questa fotografia, molto grande, che sarà necessario guardare scrollando lo schermo sia orizzontalmente che verticalmente: http://users.ox.ac.uk/~tennis/court.jpeg

(E poiché siamo entrati in un territorio quasi "accademico", segnaliamo agli studiosi del Tennis che il sito Internet della New York Public Library mette a disposizione una vasta bibliografia su questo sport. L'indirizzo: http://gopher.nypl.org/research/chss/grd/resguides/tennis/tennisgen.html.
Fra l'altro, le pagine di questa bibliografia sono accompagnate da riproduzioni di manifesti e locandine relative a tornei dei primi decenni del '900)

Torniamo sul campo.
John Mc Enroe alza la coppa sulla sua testa. Siamo all'edizione del 1983, la prima delle tre vinte da Mc Enroe, giovanissimo, ancora riccioluto, con una fascia che gli tiene i capelli. Vi mandiamo a una singola foto a colori: http://www.freeweb.org/sport/tmhm/enroe/davis.jpg

Sempre nello stesso sito, curato da un fan di John, si può leggere un breve profilo sulle caratteristiche tecniche, molto particolari, del tennis giocato da questo eccezionale giocatore, uno dei più geniali nella storia di questo sport: http://www.freeweb.org/sport/tmhm/johnmac.htm

Nello stesso anno, sul fronte femminile, si registra un nuovo record nella storia del torneo. Billie Jean King, all'età di 39 anni vince il singolare donne. Nessuna, con più anni, aveva alzato la coppa (anzi, il piatto dorato: guardate qui l'immagine di Billie: http://www.cnnsi.com/tennis/1999/wimbledon/news/
1999/06/17/quick_facts/lg_king_all_01.html
)

E' un record fra i record, tuttavia; la mitica King, infatti, è anche il/la tennista - possiamo mettere insieme uomini e donne - che ha conquistato più titoli in assoluto a Wimbledon: 6 singolari, 10 doppi, 4 doppi misti, per un totale di 20 titoli complessivi.

Segue