la rivista di 










PaleoRete














Questo simpatico roditore
è un gopher

Arriverà il momento in cui si andrà a sfogliare tra le pagine della rete come in una vecchia raccolta di riviste, per vedere come ci si vestiva, quali erano gli argomenti di discussione, i timori di fronte al futuro, le nuove frontiere scientifiche qualche decennio fa e, il più delle volte, sorriderne.
O come si gira per mercatini di antiquariato, spinti da curiosità e/o nostalgia, in cerca di qualche oggetto conservato nella memoria.
O forse questo momento è già arrivato?
Ci si imbatte a volte in vecchi documenti non più aggiornati ma rimasti nello spazio virtuale a testimonianza di quello che era la rete ai suoi inizi. Si trovano così alcuni vecchi gopher (chi si ricorda più cosa sono?, ma fino a pochi anni fa tutti i manuali non mancavano di parlarne), pagine personali un po' ingiallite dal tempo, se non altro perché la grafica ha fatto passi da gigante negli ultimi anni, appelli vaganti nello spazio come messaggi nella bottiglia.
Ci sono cose che, per loro natura, resistono al tempo, e quindi ha ancora un senso che mantengano uno spazio in rete.
Navigando indietro nel tempo c'è quindi la possibilità di scovare ancora qualcosa di interessante o perlomeno di curioso...


Qui trovate la storia dei fumetti di Archie, Betty e Veronica

Chi vuole conoscere meglio Veronica può leggere questa pagina di faq.

Veronica non abita più qui

In Italia la Veronica più famosa è quella della canzone di Jannacci - "il primo amore di tutta via Canonica" -, ma il primo amore di molti internauti, il programma che consentiva la ricerca su gopher, ricordava agli americani un personaggio dei fumetti, come il suo equivalente per i siti Ftp, Archie.
Prima che si difondesse sempre più il WWW, il gopher era la tipologia più usata. Per avere un'idea di quanto fossero diffusi, provate a impostare una ricerca con "gopher" e "veronica": vedrete che ne risulteranno decine di migliaia di pagine.

Chi erano Veronica e Archie ce lo spiega uno dei manuali più completi, la EFF's (Extended) Guide to the Internet di Adam Gaffin e Jörg Heitkötter, del 1994, di cui esiste anche una versione italiana a cura di Liber Liber.
Per quanto datata, si tratta di una lettura interessante per conoscere la paleostoria della rete: un bel pezzo di antiquariato, anche perché fornisce una lista di siti per tipologia, di cui alcuni ancora attivi.

Segue