la rivista di 










(commercio on line)^2 = 20 metri di chitarre















Per chi non conoscesse il simbolo "^2", esso significa "elevato al quadrato".
2^2 fa 4; il commercio on line^2, cosa fa? Venti metri di chitarre? Cosa diavolo significa?


Ebbene, non stiamo discutendo di una nuova area di ricerca della matematica nella quale le parole si possono elevare a una potenza. Con quel titolo si vuole segnalare la presenza, in rete, di siti che offrono un particolare servizio per comprare su Internet.
Si sceglie un prodotto - le chitarre elettriche, per esempio - e si dà l'invio.
Il motore si mette in azione e vi restituisce una pagina lunga circa 20 metri (è un modo semplice per misurare tutto quanto appare sullo schermo) con qualche centinaio di rimandi ad altri web; web che vendono chitarre, ovviamente.
Abbiamo allora un sito per il commercio on line che rimanda ad altri siti per commercio on line; da qui l'idea di chiamarlo (commercio on line)^2.
Per ognuno dei modelli di chitarra segnalati nel lungo elenco c'è una scheda descrittiva e un prezzo. Il ventaglio delle cifre è molto ampio, consentendo la più grande varietà di scelta. E quando si vuole acquistare, si clicca sul nome del web relativo e lo si raggiunge.

I prodotti contro le pulci per cani sono disponibili con una lista di 8 metri.
I profumi marca Gucci si distendono per 15 metri.
Abbiamo 5 metri e 25 di anelli di fidanzamento.
Fino a raggiungere gli incredibili 30 metri e 75 centimetri per i reggiseni.

E' giustificata una sensazione di disorientamento?
In realtà il fenomeno è esattamente all'opposto: devo decidere dove e a che prezzo comprare una merce e mi danno una mappa molto più vasta e dettagliata di quella che potrei mai immaginare di recuperare al di fuori della rete. Gli elenchi sono lunghi anche decine di metri, ma scorrono veloci sullo schermo. I prezzi, infine: posso scegliere fra una gamma molto ampia e, soprattutto, posso fare confronti fra i prezzi di prodotti che ritengo analoghi. Una prima considerazione, quindi, è che i venditori devono darsi una regolata. L'effetto si propagherà - è molto probabile - anche sul commercio off-line, quello dei negozi. Sarà sempre più difficile che il prezzo di un prodotto possa variare del 10%, o anche molto di più (sappiamo che accade), spostandosi di qualche via in una città. O cambiandola, la città. Questo è un fattore che apre a ulteriori problemi. Se restiamo in Italia, per esempio, è cosa nota che fra Milano, Roma e Palermo, i prezzi di stessi prodotti subiscono variazioni. I costi di esercizio, dicono i commercianti, non sono gli stessi in ogni luogo. Ma se il (commercio on line)^2 si diffonde, sarà dura chiedere al consumatore di essere comprensivo e pagare di più.

Sono segnalati tutti i prodotti disponibili in rete?
No, questi siti di cui stiamo parlando stabiliscono dei rapporti con una serie di web di e-commerce, ma non con tutti. Il numero dei web è comunque significativo ma, è vero, si apre una micidiale prospettiva:
il (commercio on line)^3
Esso è possibile segnalando, a partire da un sito, i siti di (commercio on line)^2, con metrature di pagine che, ad oggi, non è dato prevedere.

ClickTheButton invia a un numero inferiore di prodotti, ma il dato è relativo: si tratta sempre di volumi consistenti.

 

MySimon è uno dei web più efficienti nel servizio
che abbiamo brevemente descritto
.