la rivista di 










Alf Clausen:
l'arma segreta dei Simpsons

intervista a cura di Doug Adams
















Alf Clausen è il compositore delle colonne sonore dei Simpsons, il cartone animato che si è imposto come fenomeno di costume, conquistando persino la prima serata. In questo articolo Alf discute di estetica, di parodie e di Herrmann. L'intervista è stata pubblicata su '"Film Score", una rivista americana interamente dedicata alle colonne sonore.

Doug Adams - reporter for "Film Score" - interviews Alf Clausen, the segret weapon of the Simpsons. Despite the funny atmosphere of the show, Clausen is a serious composer, trying to push XX century aesthetics into television braodcasting. © Doug Adams e Film Score



Alf Clausen è cresciuto a Jamestown, nel Nord Dakota. Inizialmente ha trascurato il proprio talento musicale, per iscriversi alla facoltà di ingegneria. È stato grazie a un cugino musicista e a un viaggio a New York che ha deciso di dedicarsi completamente alla musica. Dal Nord Dakota si è trasferito a Boston per continuare gli studi di composizione. Ha insegnato per un anno a Berklee e quindi se ne è andato a Los Angeles per l’immancabile gavetta: bassista, insegnante, arrangiatore e compositore in localacci di Las Vegas.
Un’immancabile telefonata fortunata e Alf si è ritrovato a scrivere musica per la serie TV Donny and Marie. Le porte hanno cominciato a schiudersi e Clausen è finalmente approdato ai Simpsons.

Matt Groening – l’inventore dei famosissimi cartoni animati – chiama Alf "l’arma segreta" e indubbiamente il suo contributo musicale alla serie è fondamentale. Clausen passa con la stessa non chalance dal dramma realistico alla commedia sgangherata, dal jazz freddo alle canzonette in stile Broadway, per concludere con le più azzeccate parodie delle colonne sonore del cinema anni Settanta o delle sigle TV da quattro soldi – senza mai perdere il proprio personalissimo tocco, un misto di spontaneità e precisione tecnica.
Il lavoro di Clausen dimostra che scrivere musica per la televisione non è un’occupazione marginale e che un compositore intelligente può persino migliorare un cartone animato pressoché perfetto come i Simpsons.

Vai all'intervista