la rivista di 










 

 

Lavori in corso















Honolulu Baby è l'ottavo film di Maurizio Nichetti e sarà nelle sale a fine ottobre. Per una filmografia completa, vedere al sito del regista: http://www.nichetti.it

 

"Lavori in corso" è una frase odiosa ai naviganti di Internet, insieme all'immagine che spesso li accompagna, di un omino e un cavalletto come quelli che interrompono le strade delle grandi città in agosto, e non solo. E' odiosa perché spesso contrassegna relitti di web abbandonati da tempo al loro destino, senza che si possa sapere se e quando mai verranno ripresi i lavori.
Ma quando i lavori in corso sono quelli si svolgono realmente in un'altra parte del mondo, ad esempio gli scavi di un sito archeologico o la lavorazione di un film, e la rete li segue giorno per giorno, dandoci l'impressione di essere insieme a Indiana Jones o a Leonardo Di Caprio, le cose cambiano, e il monitor del nostro computer diventa una poltrona in prima fila da cui assistere a uno spettacolo cui difficilmente saremmo invitati.
 
 

Un bell'esempio di questa potenzialità della rete ci è offerto dal film che sta girando Maurizio Nichetti, Honolulu Baby (con Maurizio Nichetti, Jean Rochefort, Maria de Medeiros), e dal sito web parallelo che ne racconta giorno per giorno l'evolversi.
Mentre ne parliamo, il film è arrivato alla settima settimana di lavorazione e, seguendo il calendario, si vede che sono stati già girati l'inizio e la fine ma mancano ancora alcune scene nel mezzo; il piano di lavoro è previsto fino alla fine di aprile.

Ad accogliere il visitatore del sito è la protagonista, l'attrice portoghese Maria de Medeiros (la ragazza di Bruce Willis in Pulp Fiction) che nel video della prima pagina introduce il progetto in francese (sono disponibili anche una versione in inglese e una in portoghese).
Dal diario di Cecilia Volterra, una studentessa di lettere che segue la troupe come volontaria, apprendiamo che le prime scene sono state girate a Melancias, di cui ci dice solo che è "dall'altra parte del mondo" e si deduce inequivocabilmente che, a differenza di Honolulu, non è alle Hawaii.

 

Possiamo poi curiosare nel backstage e vedere in brevi filmati come si fa a creare il sole anche se non c'è, che cosa si mangia a Melancias, come trasformare in un gioco le difficoltà con la lingua inglese, e così via. "Professioni e parole del cinema" ci svela dalla voce dei protagonisti i segreti e i problemi dei vari mestieri che intervengono nella lavorazione di un film: aiutoregisti, scenografo (Maurizio Baraldi), comparse, costumisti, cameramen, attrezzisti, truccatrici, elettricisti, parrucchieri e quanti altri partecipano alla troupe.
I filmati richiedono la versione aggiornata di Real Player e si caricano abbastanza rapidamente, anche se la qualità non è altisssima.
Ogni sera, dopo le 17.00, appuntamento davanti alle Webcameras per una diretta delle migliori immagini della giornata.

Questo è uno dei tanti modi di utilizzare la rete per promuovere un film: nel 1996, Nirvana di Gabriele Salvatore aveva lanciato dal suo sito il gioco su Cd-rom di cui forniva qualche breve assaggio in quicktime. The Blair Witch Project (1999) aveva fatto di più, creando un evento prima che uscisse il film con l'annuncio della scomparsa dei tre giovani registi e mirando a confondere la realtà con la finzione. Altre produzioni riempiono i loro siti di gadget per i fan, screensaver, poster, magliette, nel grande bazaar che soprattutto in America circonda il mondo della celluloide

Nichetti non mira a stupirci; si ha anzi l'impressione di un cinema che si avvicina allo spettatore, svelandogli piccoli trucchi e strizzandogli l'occhio da dietro la macchina da presa, invitandolo in mezzo a una troupe che sembra prima di tutto divertirsi del suo lavoro.

Il sito è stato realizzato da Cities On Line, Internet Tlc Company,
con la collaborazione dia MGM Digital Communication e il contributo di Canon Italia