Lo Spirito soffia nella Rete
CULTI ORIENTALI

 

Volete adottare un monaco?

Forse la tibetana non è la più numerosa fra le grandi famiglie in cui la religione Buddista è venuta dividendosi nel corso dei millenni, tuttavia, grazie al successo del "Piccolo Buddha" di Bertolucci e al carisma del Dalai Lama, è certamente la più nota. Perciò ci sembra giusto iniziare il viaggio da Padmanet, il network del buddismo tibetano in Italia. Dalla home page si accede ai siti dei vari monasteri e centri sparsi sul nostro territorio: Pomaia, Firenze, Villorba, Palermo, Padova, Milano, Trento e Sondrio. Ma prima vi consigliamo di visitare alcune pagine.

Nella prima, i buddisti che non vivono vicino a uno dei centri sopra segnalati e devono pregare privatamente, trovano indicazioni sul modo di eseguire correttamente il rituale delle prostrazioni (che si dividono in prostrazioni lunghe, brevi e semplici).
Chi ama la poesia delle preghiere e dei mantra, può leggerne alcuni in italiano, con originale sanscrito a fronte. Infine segnaliamo una pagina che sollecita l'adozione a distanza di un monaco.

Qui troviamo una breve storia della diaspora tibetana: dopo aver seguito il Dalai Lama nella sua fuga in India (provocata dall'invasione cinese del 1959), migliaia di monaci si sono impegnati nel tentativo di preservare la loro tradizione religiosa costruendo dei monasteri in esilio. Fra questi c'è Kopan, fondato nel 1969 a Katmandu (in Nepal) da Lama Thubten Yesce e Lama Zopa Rimpoce. Qui vivono attualmente 260 monaci, ma sarebbero molti di più se il monastero avesse i mezzi di accogliere tutte le richieste che riceve dai ragazzi che vorrebbero studiare a Kopan. "Sponsorizzare" con trenta dollari al mese un aspirante monaco, significa provvedere a tutte le sue necessità di vitto, alloggio e vestiario. Se qualcuno, pur desiderando offrire il proprio aiuto, ritenesse la cifra eccessiva, può scegliere la formula della sponsorizzazione parziale (dieci dollari al mese) o fare un'offerta libera al convento. In cambio, riceverà una foto e una lettera dal monaco sponsorizzato e una newsletter del monastero.

Segue

Return

Torna al Sommario