milia 99

L'Europa batte gli Stati Uniti nella produzione di videogames
Il caso Havas Interactive

 

Le giornate della kermesse francese sono servite da palcoscenico privilegiato anche per un'altra grande protagonista del mercato del multimedia: Havas Interactive, società francese che negli anni ha assunto un peso sempre più rilevante nel panorama internazionale.
Costola multimediale del gruppo Vivendi Communication, che attualmente raggruppa sotto di sé anche Cegetel per il settore delle telecomunicazioni e Canal + per il settore audiovisivi, Havas Interactive ha approfittato del Milia per annunciare l'acquisizione di un vero colosso nel campo della produzione di videogame, la Cendant Software, società che vanta tra le sue proprietà marche come Sierra e Blizzard.

Per vedere altre immagini di copertina
dei nuovi videogames Cedant
clicca su quella di StarCraft.

Con questa acquisizione ad Havas Interactive riesce un colpo raramente messo a segno da una società europea, diventare la numero uno a livello mondiale nella vendita dei videogames, di cui il 18% viene realizzato proprio negli Stati Uniti e la numero due per quanto riguarda i prodotti di genere "educativo" (fanno parte del gruppo Knowledge Adventure, Syracuse Language System e Cocktel), di cui il 28% viene realizzato ancora negli Usa.
Nuovo logo, quindi, e una ristrutturazione interna interesseranno la società nei prossimi mesi: Havas Interactive guiderà tutte le consociate multimediali del gruppo Havas, quartier generale negli Stati Uniti e sedi principali europee in Francia, Germania, Spagna e Regno Unito.
Con un fatturato che nel 1998 ha toccato i 600 milioni di dollari, uno staff che conta più di 3600 addetti in 12 paesi, Havas Interactive si appresta ad affrontare una nuova sfida: acquisire una leadership internazionale come provider di contenuti interattivi sia per quanto riguarda l'off line che per l'on line. Aumentare la presenza e gli investimenti sulla Rete è l'altra attività su cui il gruppo intende puntare, presenza fino ad ora concretizzata in due settori: la didattica a distanza (Educast, Hospitality Network e Language Connect) e il gioco on line (Battle.Net, Won e Bezerk).
E proprio per quanto riguarda i videogiochi, per il mese di aprile è prevista l'uscita del' "expansion set" di Starcraft, prodotto da Blizzard, il videogioco più venduto per personal computer del 1998 nonché vincitore del Milia d'Or 1999 per il genere games. Si chiamerà Brood War e verrà subito reso disponibile on line presso Battle.Net per tutti i giocatori che vorranno cimentarsi in una sfida multiplayer planetaria. Ed ecco il primo passo per incrementare il peso della società sulla Rete.

Vedi il nostro servizio sui videogiochi: Da Pong a Lara Croft

Torna al Sommario