I complessati

 

Abbiamo appena parlato di corpi da indossare, ma purtroppo a certi difetti non si può rimediare nemmeno trascorrendo ore in palestra. Sono difetti che riguardano i maschietti, e che possono rovinare loro la vita. Potete immaginare cosa significhi essere perseguitati dal dubbio di averlo troppo piccolo? Ma oggi c'è una soluzione, annuncia Alargamiento del pene, un sito in lingua spagnola che ha anche una versione italiana ": "Potrai godere pienamente della tua sessualità senza complessi aumentando la dimensione del tuo pene… un pene di maggiori dimensioni, incrementa l'autostima e aumenta il desiderio sessuale". Vengono promessi dai tre ai cinque centimetri di crescita in pochi mesi, senza operazione. Come? Basta tirarlo. Non è uno scherzo: la soluzione propagandata dal sito è la variante d'una pratica diffusa in India, dove usa appendere per penitenza delle pietre all'organo, provocandone l'allungamento. Sullo stesso "principio" si basa lo strumento presentato dal sito, che cita studi che ne garantirebbero il funzionamento.

Meno tragico ma più visibile l'altro difetto che rovina l'umore di molti maschietti: la calvizie. Oltre a offrire una serie di suggerimenti e consigli, il sito Capelli insiste sulle cause psicologiche del fenomeno: per combattere la caduta in primo luogo bisogna evitare ansia e stress. E, fra le righe, si leggono considerazioni consolatorie: " lunghi o corti, chiari o scuri che siano, i capelli dal punto di vista biologico, non svolgono alcuna funzione. Non servono neppure per regolare la temperatura corporea (questo è il ruolo dei peli negli animali), perché nell'uomo questa funzione è atta alla traspirazione e alle modificazioni del diametro dei vasi sanguigni".
Ma alcuni si spingono più in là ed elaborano un'apologia della calvizie, come l'autore di Bald Is Beautiful!. In italiano il titolo suona "Calvo è bello" e il sito fa di tutto per onorare questa filosofia: troviamo, fra l'altro, un elenco di calvi illustri, accessi al ring dei "calvi orgogliosi di essere tali", musica e letteratura per calvi (?!) e altre simpatiche iniziative, tutte estremamente sintomatiche dell'eterna attualità della favola sulla volpe e l'uva.

Segue