I guerrieri stellari invadono la rete/2


Gli antecedenti

Se invece v’interessa verificare quali livelli di maniacale passione siano già stati in grado di accendere i precedenti episodi, abbiamo studiato un breve percorso in sei tappe. Ai fan della principessa Leia consigliamo di cominciare visitando una sezione del sito “Jedi Net” che propone una raccolta di fotografie dei maggiori protagonisti: la pagina dedicata alla loro beniamina ne conta ben duecento!

La principessa Leia

Non meno curiosa una pagina del sito “ufficiale” di Star Wars che ospita una sorta di piccolo “zoo”: si tratta d’una galleria di immagini relative a una serie di esemplari della bizzarra fauna che popola i mondi della “Galassia lontana” in cui si svolge la saga. Ogni immagine è corredata da didascalie che illustrano dimensioni, abitudini e “carattere” degli animali rappresentati.
Alle esigenze d’un altro tipo di mania rispondono due siti che si occupano delle suggestioni tecnologiche e scientifiche evocate dai vari episodi, come la pagina di “Technical Commentaries” ispirata dal progetto di esplorare “una realtà fisica in grado di giustificare le leggi dell’universo descritto nei vari episodi di Star Wars”. Il sito in questione ospita un ampio archivio (costruito in anni di dibattiti online) di teorie, proposte e suggerimenti scaturiti dallo sforzo di offrire risposte “scientifiche” all’interrogativo: “Se l’universo di Star Wars esistesse davvero, come potrebbero essere compresi i fenomeni che in esso accadono”?
La pagina appena citata appartiene al circuito “TheForce.net”, che evidentemente privilegia questo tipo di approccio, come dimostra un’altra sezione dedicata alle Death Stars, i neri pianeti fortezza capaci di annientare interi mondi (in questo caso, tuttavia, la spiegazione scientifica è contaminata da mistiche considerazioni sul “lato oscuro” della Forza).



Concludiamo segnalando due indirizzi di segno opposto.

Il primo riguarda un originale sito, “The Star Wars Data Base” che raccoglie una variegata accozzaglia di gadget e mirabilia, fra i quali segnaliamo, in particolare, le divertenti strip di fumetti umoristici ispirati ai protagonisti della saga.

Il secondo è, al contrario, un sito decisamente “serio”. Si tratta dei materiali della mostra americana “Star Wars: The Magic of Myth”. La mostra, organizzata dal National Air and Space Museum, si è chiusa lo scorso 31 gennaio, ma la sua versione online resterà a lungo disponibile sul sito del museo. Straordinarie le immagini, che comprendono i disegni originali realizzati per studiare scenari, costumi e personaggi dei vari episodi (spesso affiancati agli oggetti definitivi prodotti a partire dai bozzetti). Ma il sito ricostruisce anche la trama mitologica della saga, spiegando come essa sia il frutto delle idee di Joseph Campbell, il famoso mitologo americano che ha messo a disposizione di Lucas le proprie conoscenze sul grande tema del viaggio iniziatico dell’eroe. I curatori della mostra sottolineano inoltre come l’immaginario della fantascienza, nel corso del suo sviluppo rmai secolare, abbia dato un formidabile impulso alla ricerca e all’esplorazione spaziali.

Torna indietro

Torna all'indice