la rivista di 














   








Le grandi Mura
La muraglia dal satellite
I segreti della grande Muraglia
Uno sguardo dalle mura

La Muraglia Cinese fu eretta a partire dal 221 a.C da Meng T'ien della dinastia dei Qin. La fortificazione muraria era situata lungo i confini settentrionali della Cina ed era lunga piu' di seimila chilometri (se si considerano le ramificazioni): dal golfo di Liang-tung a Lin Tao. Fu costruita per per proteggere i confini settentrionali dell'Impero e per collegare le fortezze precedentemente costruite come avamposti di difesa. Le mura rappresentavano inoltre una sorta di strada sopraelevata su cui i messaggeri e le truppe trovavano la via. L'altezza della grande muraglia era tra i 4 e i 12 metri e il suo spessore arrivava sino a 9 metri e mezzo. Nonostante la ciclopica linea difensiva, l'esercito mongolo riuscì a invadere l'Impero. Oggi, di questa grandiosa opera, restano ben poche testimonianze anche se in alcuni tratti è ben conservata. La Grande Muragliaè l'unica costruzione umana visibile da satellite.

 


I Romani furono maestri nell'arte della fortificazione.
A loro si devono i limes: delle vere e proprie linee di confine fortificate. Furono edificate in Bretannia, sul Reno, in Mesopotamia e in alcune zone dell'Africa. I limes erano cotituiti da strade difese da terrapieni, opere di muratura e torri.
Si possono considerare la testimonianza del carattere difensivo che caraterrizzò il periodo imperiale, cioè del rinchiudersi entro i propri confini dopo secoli di espansione.
Il Vallo di Adriano, in Britannia, costituì il limite dell'espansione imperiale. Costruito tra il 117 e il 138 d.C., su ordine dell'imperatore Adriano, il Vallo doveva essere la difesa dagli attacchi dei popoli Celti. La muraglia era spessa circa 3 metri, alta 6 metri e mezzo e lunga quasi 127 Km. La fortificazione era costituita dalla muraglia e da fossati e terrapieni che rendevano più difficoltosi gli attacchi. I popoli Celti (Picti e Scoti) riuscirono comunque a riconquistare la loro terra.


Segue