la rivista di 














 








 

"Guardalo ancor oggi: il muro esterno lungo il quale corre il cornicione brilla dello splendore del rame e il muro interno non ha eguali... Sali sulla muraglia di Uruk e percorrila, ti dico;
osserva il terrapieno, le fondamenta, esamina la muratura:
non è forse di mattone cotto e di buona fattura?"

(da 'L'epopea di Gilgameš')

Le prime mura
L'uomo cominciò a costruire mura e fortificazioni in pietra e in argilla. L'accumulo di ricchezza all'interno dei primi insiediamenti urbani è alla base della costruzione delle prime mura della storia. L'uomo erige barriere per difendere la propria ricchezza...


A Gerico (in Palestina) è stata costruita la prima fortificazione della storia dell'uomo. Le sue mura sono state costruite tra il 2.900 e il 2.300 a.C.. La fortificazione era costituita da mattoni di argilla crudi. Le mura, spesse 4 metri e alte 6, sono ben conservate. Lo sviluppo delle tecnologie difensive ha fornito alle civiltà un notevole sviluppo dal punto di vista architettonico. Dalle ricerche effettuate da due archeologi italiani (Nicolò Marchetti e Lorenzo Nigro) sembra che la caduta delle mura di Gerico si debba al Faraone Ahmosenel 1550 a.C., che annesse le fertili terre di Palestina all'Egitto.


Antica Gerico-- Gerico - Scavi a Gerico



Archittetura in Mesopotamia

L'epopea di Gilgameš

La città di Babilonia era circondata da una doppia cinta di mura, costruite con mattoni crudi. Le mura interne, spesse 6,5 metri avevano 2 torrioni da rinforzo. Le mura esterne erano spesse 3,7 metri e lunghe circa 27 km ed erano anch'esse rinforzate da due torri. All'interno della città, sulle sponde dell'Eufrate, erano inoltre presenti dei bastioni che formavavano una piccola cinta difensiva a protezione della città da eventuali attacchi via fiume. Le mura furono violate da Ciro il Grande, il quale deviando il corso dell'Eufrate guadò il fiume entrando nella città (536 a.C.).

Segue