la rivista di 










Caro "papy"
di Francesca E. Magni
















"Papà. Sapere tutto e rimanere felici. Dal concepimento ai primi mille pannolini"

di Giacomo Papi

 

Ecco un libro più divertente di "Tre uomini e una culla", tanto buffo e profondo quanto "Caro diario" di Moretti e quasi quasi del livello della scena esilarante degli spermatozoi di "Tutto quello che volevate sapere sul sesso e non avete mai avuto il coraggio di chiedere" di Woody Allen. Sono tre paragoni con altrettanti film, perché questo libro si presterebbe benissimo a una realizzazione cinematografica, per gli interludi di dialogo fra papà e pupo, per la suspense con la quale ci costringe a seguire l'evoluzione dei nove mesi, per le tante scene di vita psico-demenzial-quotidiana raccontate. Sarebbe un film con anche qualche cartone animato alla Bozzetto, per illustrare le varie fisiologie coinvolte di madre/padre/nascituro, il meccanismo ereditario del colore degli occhi, o quello della fecondazione (... a livello cellulare! Anche se il testo non manca di illustrazioni "storiche" sul sesso in gravidanza).

La meravigliosa avventura di un uomo che realizza di diventare ed essere padre, è raccontata con ordine e ricchezza di particolari, mese per mese: vi sono tutte le informazioni necessarie per affrontare questa rivoluzione privata, dal livello psicologico del sentirsi un "impollinatore" all'inizio, per poi sentirsi completamente o quasi inutile in sala parto alla fine, (tanto da arrivare a identificarsi con fratellanza con il "coso che regge la flebo"), fino ai particolari più pratici, come il costo annuale in euro di pannolini et simila. Una serie di schede "tecniche" inoltre, non trascura gli aspetti biologici, resi comprensibili a chiunque grazie anche a un glossario finale che inizia con "amniocentesi" e finisce con "zigote".

Il libro è rivolto agli uomini rimasti "incinti", ai padri, con lo scopo - come si legge nelle pagine iniziali - di "scrivere per bene il ruolo maschile". Obiettivo raggiunto in pieno.
Personalmente, come donna coetanea dell'autore e milanese come lui, dopo aver letto con estrema curiosità ogni pagina, mi viene da pensare che questo libro sia molto utile anche alle donne, per almeno due motivi: il primo è per entrare nei possibili pensieri ed emozioni di "lui" e regolarsi di conseguenza. Il secondo e non meno importante, per capire qualcosa sulla maternità stessa, perché non è proprio sempre vero che, come si sostiene nel libro, le donne siano educate all'idea di avere figli fin dall'infanzia, cattoliche o meno che siano. Donne (e non necessariamente "in carriera") che si ritrovano a trent'anni a dover gestire una situazione assolutamente nuova (e qui mi viene in mente un altro film con Dyane Keaton…). Donne che, è però vero, possono scegliere fra decine di riviste e libri indirizzati solo a loro, fatto inesistente per gli uomini, fino a ora.
Giacomo Papi ha finalmente scritto un libro adatto sì agli uomini, ma soprattutto alla coppia, a quell'entità dinamica nella quale parlare di ruoli femminili o maschili non ha molto senso, essendo la coppia un mondo in cui costruire insieme un'identità nuova. Insomma, ecco un libro leggibile come un film e, proprio come al cinema, da seguire insieme.

Link: