la rivista di 











Scomparso per sempre?














Una scheda sull'Ara di Spix, in portoghese.

Nel sito Planet Emotion, un articolo sul commercio di animali.

 

A complicare le cose, ci si mette anche il governo brasiliano, che di punto in bianco dichiara che tutte le ara di Spix rimaste sulla faccia della terra devono essere considerate sua sovrana proprietà e riportate immediatamente sotto la sua giurisdizione. Apriti cielo: nessuna notizia potrebbe essere più efficace per far volatilizzare i collezionisti, che naturalmente temono ritorsioni legali. Lentamente e con difficoltà, i ricercatori convincono allora il governo brasiliano a dichiarare un'amnistia per i proprietari di pappagalli che collaboreranno al progetto. Finalmente, si forma il primo comitato, che sopravvive per pochi mesi; se ne forma un secondo, che inizia a discutere sul da farsi e a decidere le linee-guida per il programma di riproduzione. Ma se gli stessi pappagalli hanno un carattere difficile, soprattutto quando si tratta di scegliere il partner, i collezionisti e i ricercatori li battono di gran lunga: litigi, accuse, scontri sono all'ordine del giorno, le riunioni rischiano di terminare in baruffe, gli accoppiamenti tra pappagalli vengono decisi fuori dalle linee-guida, si arriva addirittura a contrabbandare altre specie protette pur di accordare i matrimoni combinati delle ara; e come se non bastasse, una volta raccolti un buon numero di dati genetici, lo scienziato a capo del progetto di ricostruzione del pool genico si rifiuta categoricamente di comunicare i risultati.

Nel bel mezzo di tutto questo confuso parapiglia, cosa succede all'unica ara libera? Tra lo sconforto generale, l'animale muore. I ricercatori avevano previsto di rilasciare i futuri nati in compagnia dell'individuo solitario, in modo da far loro assimilare le preziose conoscenze tramandate di pappagallo in pappagallo, di generazione in generazione. Solo l'individuo del Melancia Creek sapeva come sopravvivere nella boscaglia, solo lui poteva insegnare ai giovani i segreti e i pericoli della caatinga. Ora che l'ultimo depositario se n'era andato, avrebbero saputo esplicare lo stesso compito le altre specie di pappagalli della boscaglia?

La domanda non ha ancora ricevuto risposta, e forse non la riceverà mai. Dal 1990 sono nati circa 40 pappagalli, ma nessuno è mai stato liberato: sono ancora tutti nelle voliere dei ricconi, uno sceicco del Qatar, un industriale filippino, un costruttore svizzero. E di qui, le (facili?) riflessioni finali: l'estinzione del pappagallo pare scongiurata, ma si può dire che la specie è stata veramente "salvata"? L'ara di Spix, di cui nessun esemplare permane in libertà, è ancora "viva", o potrà mai ritornare ad esserlo? Sono interrogativi che valgono per l'ara così come per molte altre specie animali, e che portano a questioni ancora più generali, ad esempio sulla necessità di decidere come affrontare il problema delle specie in pericolo, di stabilire priorità di intervento tra le stesse specie e tra, ad esempio, programmi di conservazione dell'habitat e di riproduzione in cattività.

Il 17 luglio di quest'anno il governo brasiliano, stanco dei continui insuccessi, ha deciso di sciogliere formalmente il comitato per l'ara di Spix. Poteva essere l'inizio della fine. In settembre, invece, un debole segno di speranza: gli 830 delegati del Comitato Internazionale per i Pappagalli hanno deciso - quasi all'unanimità - che tutte le Ararinhas azul, come vengono chiamate le are in portoghese, dovranno ritornare ancora una volta sotto il controllo del Governo brasiliano. I proprietari continueranno a far riprodurre i pappagalli nelle loro gabbie, ma saranno supervisionati da un commissario nominato dal Governo. I ricconi sembrano aver accettato. Ci sarà davvero qualche progresso? Un po' di ottimismo ce lo possiamo anche concedere, visto che negli ultimi anni sono cresciute la sensibilità e le attività concrete nel campo della biodiversità, e le pressioni della comunità internazionale premono in maniera sempre più forte. Ma siamo ancora molto lontani da standard dignitosi.

Segue